Estetica

Da Wikipedia
Vanni a: Navegaçión, çerca

O significou originale do termine Estetica o l' ea quello dæto dä sö etimologia: dottrinna da conoscensa senscibile. A partï da o Setteçento - a opera, pe o primmo, de Baumgarten - però s' è començou a ciammä con questo nomme a dottrinna de l' arte, sciübben che quarche filosofo, comme Kant, o l' agge ancun döviou o termine estetica con l' antigo scignificou.

A conceçion do bello in Platon[Càngia | modifica wikitesto]

Segundo Platon, o bello o l' è unna idea in sè e o l' è collegou a l' idea do ben: l' arte a l' è do tütto staccä dao bello, dæto ch'a no riescie a razzunze l' imitasion de l' idea, ma a pö solo imitä a cosa (materiale). L' ommo, seguindo l' arte, o l' è in errô, coscì comme l' è in errô chi se fia da conoscensa senscibile.

Aristotele[Càngia | modifica wikitesto]

Pe Aristotele invece a mimexi (imitazion) artistica a no copia solo a realtæ materiale ma, attraverso quella, anche a realtæ ideale. L' arte a l' è perciò rivalütä rispetto a Platon.

L' estetica all' inissio do Cristianeximo[Càngia | modifica wikitesto]

Figna a o terso - quarto secolo i primmi paddri da Gexa condannen l' arte: mentre a natüa a l' è oeuvia divinna, l' arte a l' è oeuvia do diao. Solo in seguito se vedde in te l' arte a giüstificasion da bellessa divinna, trovandoghe un utilizzo didascalico e edücativo, coscì comme aveiva zà fæto i stoici. In questo, i pensatoi crestien resten a l' interno do pensceo do mondo clascico.

Dä cosa ao spirito[Càngia | modifica wikitesto]

Con Leibniz e Baumgarten l' estetica a se modernizza passando da l' interesse pe a cosa a quello pe o spirito: oscia nasce i concetti de genio, fantaxia, sentimento, immaginativa. L' arte a l' è unna forma de cognision e a stà a meitæ fra o senso e l' intelletto. L' arte a l' è a perfesion da conoscensa senscibile. Giambattista Vico o vedde nasce l' arte da-a pascion, in to momento da fanciülessa do spirito umano.

Estetica kantianna e hegelianna[Càngia | modifica wikitesto]

In ta Critica do giüdisio Kant o tratta o tema do bello (emmo visto a l' inizio ch'o no ciammava con o termine estetica questo argomento). Pe o filosofo de Königsberg l' interesse pe o bello o l' è visto comme un piaxei contemplativo, sensa nisciün interesse reale in te l' azion: a contemplasion estetica a l' ha carattere misterioso. Pe Hegel o bello o l' è l' apparision senscibile do Vero o de l' Idea; ma l' arte a l' è a un livello infeiô rispetto ä religion e ä filosofia.