Zane Bocaçço

Da Wikipedia
(Rendirissou da Giovanni Boccaccio)
Vanni a: Navegaçión, çerca
Zane Bocaçço

Zane Bocaçço (it. Giovanni Boccaccio) (Çertado, lùggio 1313 – 21 dexembre 1375) o l'é stæto un scritô, poêta e umanìsta.

A seu œuvia ciù inportànte pe-a quæ o l'é conosciûo a l'é o Decameron.

O re de Çipro[Càngia | modifica wikitesto]

A nona novella da primma giornâ do Decameron traduta in lengua zeneize inti "Avvertimenti" do Salviati do 1586:[1]

Dico aduncha, che a ro tempo dro primo Re de Zipri da pue dro conquiſto che fe de Terra Santa Giofrò Buglion, intravegne, che una gentildonna de Guaſcogna zè in peregrinagghio a viſità ro Sepurcro, de donde tornandoſene, zuinta in Zipri fo villanamente otraghià da zerti gaioffi, dra qua coſa a ſentì tanto deſpiaxè, che a penſa d'andaſene a lamentà da ro Re. Ma ghe fo dito, che l'era briga perdua, perche o l'era un homo ſi dezutre, e da poco, che non ſoramenti o no ſe curava de fa vendetta dre eniurie, ch'eran fete a ri atri, ma che o ne ſofriva mille, che tutto ro iorno ghe venivan fete a le meſmo: tanto che tutti quelli, ch'eran con ſeigo ſcorrozzè, ſe ne pagauan con farghe quarche deſpeto. La donna ſentì queſta coſa, e perdua za ſperanza de' puiſe vendicà, a fe pensè, per alenzerì un poco ra ſo ragghia, d'andà a ponze con parolle ra miſeria dro ditto Re: e, quando à ghe fo dauanti chiamando ghe diſſe: Segnò, mi no vegno za a ra to preſentia, per che aſpette vendetta de quell'engiuria, che m'è ſteta feta: ma te prego ben che in canghio, per me conſoration, ti me moſtri, como ti fe a ſoferì quelle, che me diſan tutto ro iorno, che t'è fete; perche imprendendo da tie, me ſachie porta in patientia ra me, ra qua, ſe mi puiſe, De ro ſa, como te ra renontiereiua uorentera, da pue che ti re ſe ſi ben porta. Ro Re, che fin l'ant'hora era ſteto così pigro, e da gnente, come ſe queſte parolle l'haueſſan deſciao da un lungo ſuenno, comenſando dalla eniuria feta a queſta Donna, de li auanti castigà ſempre righidamente tutti quelli, che fauan quarche ofeiſa all'honò dra ſo Corona.

Notte[Càngia | modifica wikitesto]

  1. Leonardo Salviati - Degli avvertimenti della lingva sopra 'l Decamerone - 1586