Da Zena parto quaxi desperao

Da Wikipedia
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia

Opera letiaia in zeneise de Pòulo Fuggetta

ZE-A
Questo tèsto o l'é scrîto in zenéize antîgo

Da Zena parto quaxi desperao[modìfica | modìfica wikitèsto]

Da Zena parto quaxi desperao
perché da paro me no posso stà,
che paraxi da Re se gh'usa fà
e dorman ri citten dentro brocao.

E quaxi ogni personna dro me grao
caga in arinto e in oro vuoe mangià,
e da Papa ogni dì vuoe ben pappà
e in stalla ten cavalli da Imperao.

Però ognun scacchia, frappa, e va pomposo
e ten paggi e derré vuoe servitoì,
si ogni cosa chì ne costa un oeggio.

Però Zena à ri ricchi lassà vuoeggio,
dond'un povero spussa de virtuoso,
no possando fà speize da segnoì.

E ri pubrichi honoì
à noì pà che no toccan, zuro à Dé,
che misso ro comun s'amo deré,

e cascun fa per lé.
Si faxemo raxon che sé de pria,
quello Grimado che soretto cria

ch'o cerca compagnia.
Però ro comun poere oura se duoe,
ch'o n'aggie in tenti figgi un bon figgiuoe.