Riforma ortografica d'o paddre Gioxeppe Maja Prian

Da Wikipedia
Vanni a: navegaçión, çèrca


O paddre Gioxeppe Maja Prian, d'a congregaçion d'a Moæ de Dê (o Maddre de Dio)[1], erudîo e poeta sotto o psœüdonimo de Drusino Cisseo, pastô arcade[2], o curò l'ediçion d'o 1745 (foscia a quarta, doppo quelle d'o 1630, 1636 e 1665, o donca a quinta, segondo o paddre mæximo) d'a Çittara Zeneize d'o Cavallo, premettendoghe, pe-a primma votta int'a stoia d'a lengua zeneize, d'e regole de ortografia, o pe megio dî, de prononçia.
Scrive o Prian int'a prefaçion:

Quattro varie [ediçioin] ne ho viste dro Cavallo, e tutte ben meschiñe e ſcorrette; intre quæ, oltre ri erroî proprj dro libbrâ, regna uña inçertiſſima, e conſeguentemente oſcuriſſima ortografia. Mi me piggio ra libertæ de fiſſâra, premettendo doe o træ regole per leze con ſegureçça. Se mi aveſſe à rende conto dre raxoin, re quæ m'han determinao à fiſſâ re tæ o tal'atre prononçie , faræ coſa à ri ciu piña d' inutilitæ , à tanti de noja: contentandoſe ro mondo, in materia de lengua , sareiv'à dî ſpinoſiſſima, de ſavei re pronunçie, ſença rintracciâne ro perché.[3]

De fæto o Prian o realizzò uña riforma d'a grafia zeneize votta à regolarizzà d'e forme za prezente int'i scriti ciu antighi eliminando i alternative ortografiche (prezempio ñ o nn, o e dexinençe -ou , -ao o -aou pe-o partiçipio passao) e o l'adeguò à l'evoluçion d'a lengua, modellandola foscia insce-a prononçia d'a nobiltæ d'a çittæ de Zena.

Elementi caratterizzanti d'a riforma d'o Prian[modìfica | modìfica wikitèsto]

  • dexinença -ao pe-i partiçipi passæ d'a primma coniugaçion, eliminando a forma -ou (coscì che a lettia u a segge dœuviâ solo che pe-a prononçia a-a françeize).
  • a tirde (~) insce-a n (ez. uña)
  • a œu "a-a françeize" (ez. cœu, œuggio)
  • a c co-a çediggia
  • a ci- "a-a toscaña" (ez. ciu, ciaçça) ciu tosto che a ch- "a-a spagnolla" (ez. chiu, chiaçça)
  • o rivoluçionaio utilizzo d'i accenti aguçço e grave pe indicâ a diata d'e vocale: aguçço - vocale longa , grave - vocale curta.

E "Regole d'Ortografia"[modìfica | modìfica wikitèsto]

Regole d'Ortografia
â si pronunzia come aa, cioè un' a strascinata.

æ ed ǣ vale un e larghissima e strascinata.
æ` , un e larghissima, ma tronca e corta.
ao dittongo vale ou toscana pronunziata distintamente.
e si pronunzia regolarmente stretta, fuorchè innanzi alla r, seguendo un'altra consonante, ove si pronunzia larga e strascinata, come in reversa, terra, inferno, &c.
ê vale un e stretta, ma strascinata, come ee.
ei dittongo si pronunzia distesa, ma in guisa che si posi l'accento più sopra la e, e questa sentasi più che la i.
î vale un i strascinata, come ii.
o si pronunzia ora stretta, ora larga, come fra' Toscani; ma la o stretta fra' Genovesi suona come u ne' Toscani.
o pronome, stretta; come, o disse, il dit, e' disse.
ó si pronunzia larga e strascinata.
ò si pronunzia larga, ma tronca e corta.
ô stretta come u toscana, ma strascinata.
oi dittongo, in cui si sente più la i che la o, la quale però si pronunzia stretta.
œu trittongo francese, come cœur.
œü si pronunzierá come œuü.
u sempre stretta alla francese.

Delle consonanti in genere deve osservarsi, che, quando sono raddoppiate, si pronunziano come se fossero una sola e semplice, in maniera che, la vocale antecedente pronunziandosi corta e come abbattuta sulla consonante seguente raddoppiata, si viene a sentire questo raddoppiamento.

ñ si pronunzia in guisa, che alla vocale antecedente lascia attaccato il suono di una n finale francese, e poi essa suona come n toscana innanzi alla vocale seguente. Così nella voce peña, si pronunzia come se fosse pen, colla n finale francese, e poi na toscana, pen-na.
r semplice in corpo alla dizione, quando, non accompagnata da altra consonante, precede ad una vocale, e nell'articolo ro, ra, ri, re, non si pronunzia, o, per meglio dire, si pronunzia così dolce, che appena se ne oda un leggier mormorio: ma nel principio della dizione si pronunzia sempre, come in ræne, regatta, &c.
rr si pronunzia come r semplice, strascinando però la vocale antecedente, come se avesse l'accento circonflesso, terra, têra, morro, môro, &c.
s si pronunzia sempre aspro alla toscana: ma inanzi alle consonanti, e alla vocale i, si pronunzia sempre col fischio di sc, come signora, scignora; stella, sctella. Si eccettuano le voci plurali de' nomi che hanno la terminazion singolare in sso, come: passi da passo, bassi da basso, &c. parimente le voci di seconda persona de' verbi terminanti in sso, come passi da passo verbo, abbassi da abbasso verbo; le quai voci si pronunziano colle due ss mute alla toscana.
ss nelle voci esse, foisse, foissi, foissimo, foissan del verbo sostantivo si pronunziano come una sola s strascinando la vocale antecedente .
scc si pronunzia col fischio di sc, soggiuntovi poi il suono chiaro d'un'altra c, come scciavo, sc-ciavo.
x, sempre come la j francese: dexe, come déja.
z si pronunzia dolce, ovvero come la s dolce de' Francesi.
ç, come in francese façon ugualmente in ambedue le lingue Francese e Genovese.

Influença insce-i contemporanei e insce-i posteri[modìfica | modìfica wikitèsto]

A riforma d'o Prian a condiçionò l'evoluçion d'a grafia zeneize scin a-o XIX secolo.
A fu accugeita, in parte, da-i aotoî d'a Gerusalemme Deliverâ[4] , dove, prezempio, se prefeì adottâ a dexinença -aou pe-i partiçipi passæ d'a primma coniugaçion, foscia un compromisso tra i sostegnitoî d'o "vegio" -ou e quelli d'o "nœuvo" -ao e a fu aççettâ sença riserve da-o Steva De Franchi , ch'o porriæ foscia avei piggiao parte a-a so creaçion, e ch'o-a dœuviò int'o so "Chitarrin" d'o 1772 e int'e so "Commedie" d'o 1772 e d'o 1781.
E "Regole d'Ortografia" d'o paddre Prian, oltre à ese stæte e primme, son foscia quelle megio scrite che ghe segge. Fætostà che non solo son ripetue pægie pægie int'o "Chitarrin", ma , tralasciando e variante dovue a-a riforma ortografica d'o Martin Piaggio, son ripetue ascì inte l' "Esopo zeneize" d'o 1822 e int'a riediçion d'o Cavallo d'o 1823 , stavotta tristemente intitolâ "Chittara Zeneize"[5].

Notte[modìfica | modìfica wikitèsto]

  1. Dizionario Biografico Universale - vol. IV - Firenze - Passigli - 1846-47: PRIANI (Giuseppe-Maria), genovese della congregazione della Madre di Dio; passò la maggior parte della sua vita in Lucca sempre indefessamente occupato ne' suoi studi, e fu di grandissimo aiuto ai dotti lavori del Mansi suo confratello, poi arcivescovo di Lucca, specialmente nelle illustrazioni del Calmet. Riuscì pure lodato nella poesia latina e volgare, e ad instigazione del celebre P. Lagomarsini, suo amicissimo, fece ivi una edizione, colla data di Ginevra l' a. 1737, delle Satire di Lucio Sellano del P. Cordara. Il Priani morì in Lucca circa il 1750, lasciando varie opere sì in prosa e sì in verso.
  2. V. Lancetti, Pseudonimia, Milano, 1836, p.85
  3. Gian-Giacomo Cavalli, Ra Çittara Zeneize, 1745, Franchelli: "Quattro varie ne ho vedute del Cavalli, e tutte aſſai meſchine e ſcorrette ; nelle quali, oltre gli errori proprj del Libbrajo, regna una incertiſſima , e conſeguentemente oſcuriſſima ortografia. Io mi prendo la libertà di fiſſarla , premettendo alcune regole per leggere con ſicurezza. Se io aveſſi a render conto delle ragioni, le quali mi hanno determinato a fiſſare le tali o tali altre pronunzie , farei coſa a i più piena d' inutilità , a molti di noja: contentandoſi il mondo, in materia di lingua , vale a dire ſpinoſiſſima, di ſaper le pronunzie, ſenza rintracciarne il perché."
  4. Ra Gerusalemme deliverâ, Zena, 1755
  5. Chittara Zeneize, Zena, 1823