Gioxeppe Mazzin

Da Wikipedia
(Rendirissou da Giuseppe Mazzini)
Vanni a: Navegaçión, çerca
Giuseppe Mazzini

Gioxeppe Mazzin (Zena, 22 zügno 1805 - Pisa, 10 marzo 1872) o l'è stæto un patriotta e pensatô, ün di ciù grendi protagonisti do Risorgimento italian.

A vitta[Càngia | modifica wikitesto]

Gioxeppe o l'ea figgio do Giacomo, mego e professö üniverscitaio, e da Maja Drago, ch'a l'ha avüô coscì grande importansa in ta sö formasion spirituale. Doppo avei stüdiou filosofia, belle lettie e meixinna, o seguiä finna ä laurea o ni o l'ha moddo de strenze i rapporti con i atri patrioti dell'ambiente zeneize do sö tempo: i fræ Ruffin (Zane, Jacopo, Agostin e Ottavio), F. Campanella, Piero Torre. In to 1827 o se laurea e o l'intra in ta Carbonaja. Dall'anno succescivo o tegne unna rubrica lettiaia, primma in sce l' Indicatore Genovese e poi in sce l' Indicatore Livornese. O 13 novembre 1830 o vegne imprexonou a seguito da delassion de 'na spia, e o resta in to forte de Savonna figna ao 28 zenä 1831. In te questa occaxon, raxonando in sce i limiti da Carboneria e di sö scistemi, o progetta unna associasion ciù adatta ao contesto nasionale: a Giovane Italia. Espülso a l'estero doppo esse sciortio de prexon, o passa in Svissea, poi in Fransa, in Corsega e in te l'Italia Çentrale, (dove l'ea ancun in corso moti patriottici). Fallia a spedision, o ritorna in Fransa, a Marseggia (dove o pübblica a Lettera a Carlo Alberto). In te questo periodo o fonda a Giovane Italia e o giornale con o mæximo nomme. In to 1833 o l'è costreito a lasciä Marseggia pe a Svissea; fallisce dui tentativi insurresionæ in Savoia e in to Napolitan. L'anno doppo o fonda a Giovane Europa pe allargä o programma da Giovane Italia. E prescioin reazionaie o costrenzen do 1837 a annasene anche da a Svissea, pe stabilise a Londra. Scciuppæ e rivoluzioin do 1848 o torna in Italia, a Milan, dove o l'è in contrasto con o governo provvisoio, essendo contraio all'ünion da Lombardia con o Piemonte. O 21 zennä 1849 o popolo de Romma o l'eleze rappresentante ä Costituente. Mazzin o l'arriva in ta Çittæ Eterna o 5 de marzo e o 30 do mæximo meise o l'è eletto Triumviro. Cheita Romma pe l'intervento franseize, ghe tocca turna l'exilio a Londra. In ti anni succescivi gh'è növi fallimenti di tentativi mazzinien: in to 1852 coa fuxilazion di Martiri de Belfiore; in to 1853 con l'insurrezion milaneise; con di ätri moti do 1854 e 1855 e con a spedizion do Pisacan do 1857. O ritorna in Italia doppo l'armistizio de Villafranca ma fallisce o sö tentativo de invadde Stato Pontifiçio e o Regno de Napoli. O collabora in to 1860 con o Gaibado pe preparä a spedizion di Mille. In to 1863 fallisce un'ätra insurrezion, in Friuli. In te l'agosto 1870 o vegne arrestou a Palermo e imprexonou a Gaeta. Sciortio pe amnistia o va unn'ätra votta in exilio a Londra. O torniä in patria do 1872, muindo a Pisa, dove o passiä i sö ürtimi giorni sotta o nomme fäso de dottor Brown. I funerali, a Zena, vedian unna strazordenaia partecipazion de popolo. A memorialistica a n'ha tramandou che Pippo, comme o l'ea ciammou dai amixi, o l'ea appascionou de muxica e bravo sunou de chitara. O l'è stæto proprietaio de ün di urtimi esemplari de mandolin zeneize (diverso da quello napulitan perchè con sei corde e accordou comme unna chitara).

O pensceo[Càngia | modifica wikitesto]

Caratteristica do pensceo do Mazzin a l'è a fede religiosa, unna fede che a no se riconosce in te nisciünn-a de religiuin offiçiæ, meno che mai in te quella cattolica (in te a prefazion de Dei Doveri dell'uomo o scrive ...la base d'ogni autorità tirannica, il Papato ). Pe o Mazzin Dio o se incarna in te l'umanitæ. L'Italia a saiä libera quande se affermiä unna Lezze morale superiô a tütti quelli che se metten comme intermediai fra Dio e o Popolo. Da o punto de vista sociale i operai van liberæ da a scciavitù do salario, attraverso a libera associazion, diventando padruin lû meximi do terren e di capitali. Questa poxizion a differenzia Mazzin dao socialismo, che allua o mesciava i primmi passi, in quanto o mazzinianeximo o l'avversa a lotta de classe. Rilevante in to sö pensceo, pe i tempi, l' idea che l' emancipazion da donna a doviä accompagnä quella dell' operaio.