Dond'è l'honò dri nostri antighi e groria

Da Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

Opera letiaia in zeneise de Pòulo Fuggetta

Dond'è l'honò dri nostri antighi e groria

Dond'è l'honò dri nostri antighi e groria?
chi han sott'e sovra terra e mà buttao,
perch'han ro vero honò tutti apprexao,
quanto noi l'oro, pompa e vanagroria?

Cose dé dì messé Paganin Doria
chi era fragello dri paghen ciamao?
Cose dé dì messè Giaxo Axerao,
e ri atri antighi degni de memoria?

Che paraxi da Re chì fà ne ven
puoe da un nostro vassallo, e da corsè,
batte ne ven per che garie n'hemo.

Ch'oura da Duchi tutti stà voggiemo,
ma quelli chi ro mondo tremà fen,
a Zena stavan da citten privè,

senza paraxi ornè.
Ma se ben vivi in gran paraxi stemo
in streita fossa morti allogieremo,

nì ciù mentè saremo;
donca come i antighi femo noì,
se morti e vivi havei voggiemo honoì.

Che son monto meggioì,
per fane honò, ri legni dre garìe
che re poise de cangi e pompe e prie


Da o scito de:Alessandro Guasoni