Mario Dagnin

Da Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

(da l'articcolo "O Marieto o "pelêujante"" do Zane Gatto da revista Zena do 1958)

Se quarche zeneise appascionôu de caccia o se trovesse pe cäxo a passä da-o «Ricchetto» a-o Castellasso, o ciù in sciù, segge in sciä «Posta Grande» o a-e «Baracche» (basta che no derrûe) in te ûn di sciù diti posti o l'aviâ de segûo l'occaxiôn d'attroaghe o «Marieto» - all'anagrafe Mario Dagnino.

O sentieì parlà de chen, e o ve diâ in propoxito - scibben che tanti zueni aggian o ballin pe i chen da ferma, cösa senz'atro bella - che o mêgio can o l'è quello che o guidda ötre saveì fermä. Queste due qualitae son naturalmente in quelli che sentan un'istintiva obbedienza verso o padron. E o continuià:

«In quanto a tià sciù o can, no gh'é barba d'ommo ch'o posse fälo bon, se primma a moae a no g'ha daeto o «naso». Se a natua do can a l'ha tutti i requixii che a caccia a richiede, l'ommo o deve stà ben attento a mantegnì in esercizio de obbedienza a bestia, segge quande o vä a caccia, segge con lunghe e frequenti passeggiate e o deve impedighe de corrî apprêuvo a-i gatti e de fâ quante pêu ëse dannoso a-o sò sviluppo de bravo can da caccia. Se un can o ferma a duxento metri, poeì stâ segûi, che so moae a l'ha faeto bon, no ô cacciôu! Tanti anni fa aveivo 'na cagna de quattro meixi ch'a n'ha faeto ammassà no so quante pernixi, eppure mi no gh'aveivo insegnôu; a l'éa lé ch'a me portâva!»

Ghè quarchedun ch'o credde che i «pelêujanti» pelleuiante: o sûnnòu da pelleuia seggian di cacciueì da oxelletti e pè quello che me riguarda posso dî che se sbaglian. Mi son staeto cacciôu profescionista fin dall'etae de dixiott'anni e andavo con i mëgio cacciôeì da can.

Fra i tanti posso nominâve i sciöi Nino Marcheize da Vacuum, Cané de Sant'Agata (capo caccia do Marcheize Raggio) e ho partecipoù a-e «battue» in Garbagna, in ta Valle do Penice e in tante ätre parti. A-e levri no ghe dâvimo importanza, scibben che queste possan ëse i trofei di cacciôeì, perchè tiâvimo solo a-e beccasse e a-e pernixi.

O vero cacciôu, segge dïto ciaeo, o tîa quande a pernixe a piggia o xêuo, e scicômme o can o l'è intelligente, o no stimma o cacciôu ch'o tîa quande l'öxello o l'è in taera, coscì comme o cavallo o no stimma o cavaliere ch'o batte mâ a sella.

Ritornando ä «pelêuja» ve diô che gh'è i öxelli che creddan e quelli che no creddan. Fra i primmi gh'è e «grivee» «alauda arvensis» uccello del genere delle Allodole in special moddo, poi i «ciataroin». «emberiza miliaria» uccello del genere delle Emberize I ätri (e son tanti) scibben che se imite o so canto, no se fian e no vëgnan.

Tutt'assemme ô sentieì imità a «grivea» a «calandra», «allauda calandra» uccello del genere delle Allodole o «fringuello», o «ciataron» e tanti atri, e ve parià quaexi imposcibile che da ûn pomeletto de latton ghe posse sciortì di canti d'öxelli coscì perfetti.

Tra un canto e l'atro o ve parlià do Ciara, do Bastian, do Michelin o Marmâ, do Cioci e do Bazarin, tutti «pelêujanti» che ormai son in çe a imparâ o canto di Angei.

E finarmente quande o canto da «lodua» ch'a piggia o xêuo, o gorgheggiâ dä sêu «pelêuja » magica, no porièì fâ a meno de ïsâ i êuggi verso o çe, in quello blêu, dove avieì l'illûxôn de veddila sbatte e ae.