A lettia de Giaxo d'Axou a-a Repubrica de Zena insce-a vittoia de Ponça

Da Wikipedia
Jump to navigation Jump to search

A lettia o relaçion de Giaxo d'Axao a-a Repubbrica de Zena insce-a vittoia de Ponça

Verscion do 1669[modìfica | modìfica wikitèsto]

A primma verscion stampâ de l'Abbao Michê Giustignan d'o 1669 [1]:


«Avanti che noi ſcriuemo atro, Noi, vi ſuprichemo che ve piaſe de reconoſce queſta ſingolà vittoria dallo noſtro Segnò Dè, e da lo beo S. Georgio, e da S. Domenego in ra feſta de lo quà, in Venerdì fù la noſtra aſsè ſanguinenta battaia, dra quà, noi ſemo ſteti Vittorioſi, nò per le noſtre forze ma per le virtu de Dè, habiando la giuſtitia dalla noſtra parte.

«Lo quarto di di queſto meiſe ra mattin per tempo, noi trouammo in ro Mà de Terracina, aſsè preſſo terra l'armà de Rè d'Aragon, de naue 14: ellette inter vinti delle quae naue erano ſei groſſe le altre commune, li Rè e ri Baroni ri quae voi audirei de ſotta con huomini ſei miria per quello che ſauei da elli, ſi che ra menò nave di 300. in 400. huomini hauea, le altre 500. in 600. la Reale, huomini 800. inter la quale era lo Rè d'Aragone, lo Infante, lo Duca di Seſſa, lo Principe di Taranto, lo figlio dello Conte di Fondi e 120. Cavaglieri. Erano con le dette, naui Galere undexe, e Barbotte ſei, & era lo vento allo Garigliano, ſi che era in ſua poſſanza quello di de inueſtine, noi habbiando à mente la cõmeſſione voſtra de non prender battaia ſe era poſſibile, ma de dà ſocorſo à Gaeta ſi ſe ferzam o de tirar à vento, ſi nauegammo in ver Ponza, lo Rè ſempre ſeguitandone, e molto preſto le galee fonne à noi à re quae mandei un me Trombetta, pregando ra Maeſtè dro Re che ello non me voreſſe dà impaccio, ma me laſciaſſe andà à Gaeta e che rà noſtra Communitè non voè guerra, &c. lo Re eri mattindi di San Domenego me mandà meſſer Franceſco da Capoa à ro qua chiù largamente parlei, ſecondo altra commiſſion che haueua riceuuo ro dito meſſer Franceſco da ro Re, che hauea ferma ſperanza che per pagora, mi ghe feiſe fa queſt'ambaſcià, e incontinente mandò vn Caualero con ro sò Arado quaſi comandandome me diſſe che metteſſe à baſſo re Veire, e ſubito ra naue con ro vento in poppa cridando, con bombarde, e con bareſtre me inueſtì, Noi fummo ri primmi inueſtii, da ra naue dro Re, e da tre atre naui, e miſe ro ballaò onde ghe piaxé, in ro ſcaraò de prora, e fummo concadené amoroſamente hauendo da poppa vn'atra naue, e da l'attro laò vn'atra, & à proa vn'atra, Non penſè che ri noſtri compagnoin; e Paſtroin fuggiſano, ma monto toſto, e fummo elli, e noi tutti lighè incadenè inſeme amoroſamente; erano re garee da re coſte refreſcando re lò naui, de huomini, e tirandone re lo naui adoſſo ond ghe piaxea. però che era grandiſsima carma, finarmente lo altiſsimo de noi dalle hore 12. fin'à re 22. ſenza interuallo ne ripoſo habbiando riſpetto à ra giuſtitia ne dè vittoria.

«Primamente preſimo ra naue de Re, e re atre noſtre ne preſeno vndexe, ſi che in ſomma ſon reſtae naue 12. dell'Armà de Re, & vnna garea ſoa bruxà, e vn'atra infondo abandonà da elli. doe dre ſoe galere ſon leuae da ra battaia, e ſon ſcampaè per portà ra nouella, ſon remaſi prexoin ro Re d'Aragon, ro Re di Navarra, ro Maeſtro de San Giacomo, ro duca di Seſſa, ro Principe di Daranto, ro Vice Re de Seceira, & infiniti atri Baroin Caualier e zentil'huomini con Menguccio dell'Aquila Capitan de 300 lanze, e ri prexoin ſon migiara de migiara, auiſando la magnificentia e Reuerentie voſtre, che eran ſun queſte naui huomini d'arme mille como ſarei auiſae, quando haueremo pù ſpaccio per conforto de tutti voi, certificamo le voſtre Magnificentie e Paternitae, che non so da quae parte incomensà, a di re ſue lodi, e re ſue proezze, con ra grand'obedienza, e reverentia, che ſempre ſon ſteti da ro di che partimo à queſto di, maſsime in ro di drà battaia che ſe eſsi haueſsan combattuo dauanti re Signorie voſtre, non haueriano feto atramente, elli meritan d'eſse lodè e reconoſciui ſingolarmente. Criſto ne preſte gratia che poſsemo andà de ben in megio.

Data die 6. Auguſti 1435. in Naui ſupra Inſulam Pontiae.

Verscion d'o 1871[modìfica | modìfica wikitèsto]

A verscion ciu esteiza pubbricâ da-o Belgrano d'o 1871[2]:

« Magnifice et Prestantissime Domine mi singolarissime et spectabiles ac preclari cives Patres et Domini hónorandissimi.

« Avanti che noi scrivemo altro , noi vi suplichemo che ve piase de recognosce questa singolà vittoria da lo nostro Segnò Dè , e da lo beo San Georgio e da San Domenego , in ra festa de lo quà, in venerdì, fu la nostra assai sanguinenta battaja, della quà noi semo steti vittoriosi no per le nostre forze, ma pe la virtù de Dè, abiando la giustitia da la nostra parte.

« Lo quarto dì de questo meise, la mattin per tempo, noi trovammo in ro mà de Terracina assai presso tera l'armà de lo Re di Aragone de nave quattorze elette inter vinti; de le quae nave erano e sono sei grosse, le altre commune, con li re e baroin li quai Voi audirei de sotta, e con huomini sei millia , per quello che possemo saveì da elli ; sicchè ra menò nave de 300 a 400 homini havea , le altre 500 in 600, la reale homini 800, inter la quale era lo Re d'Aragone , lo infante , lo duca de Sessa, lo principe de Taranto, lo figgiolo dello conte de Fondi , e 120 cavalieri. Erano con le dette navi galere undixi e barbotte sei , et era lo vento a lo Garigliano , sichè era in sua possanza quello dì de investirne. Noi habbiando a mente la comissione vostra de no prender battaja , se era altramente possibile dar soccorso a Gaeta, sì se forzàmo de tirar a vento, si navigammo in ver Ponza. Lo Re sempre seguitonne, e monto presto le galee fonne a noi ; alle quae mandaè un me trombetta , pregando alla maestè de lo Re che ello no me vorresse dà impachio, ma me lasciasse andar a Gaeta, e che lo illustre segnò nostro e la nostra Comunitae no vorè guerra, etc. Lo Re eri mattin, lo dì de San Domenego, me mando un cavalier, messer Francesco da Capoa, a ro quà pu lungamente parleì con questa conclusion , che noi no voreimo nè guera nè bataja, ma vorriamo andar a Gaeta, et altre parole secundo altra commissione che haveva recevuo lo dito meser Francesco dallo Re, che havea forte speranza che per pagòra mi ghe feise fà questa ambascià ; e incontinente mandò un cavalero con lo so arado , e , quasi comandandome , me disse che mettesse a basso re veire. E subito ra nave con ro vento in poppa , cridando ,... con bombarde e con barestre me investite. Noi fummo li primi investij dalla nave dello Re e da tre altre nave, e misso lo ballao onde ghe piaxè in ro scarao de proa, fummo concatenè amorosamente , avendo da poppa un'atra nave e da l'atro lào un' atra , et a proa un'atra.

« Non pensàe che li nostri compagnoin e patroni fugissano ; ma monto tosto fummo.... elli e noi tutti lighè e incatenè insemme amorosamente. Erano le galee dalle coste , refrescando le loro navi de homini e tirandone re lò navi addosso onde ghe piaxea, però che era grandissima carma. Finalmente lo Altissimo de noi dalle hore 12 a re 22 , senza intervallo nè reposo , habiando rispetto alla giustitia , ne dè vittoria.

« Primamente che la nave de Re la qua noi presemo e così all'altre tre con navi undexe; sicché, in somma, son restaè nave dodexe de l'armà de Re, et una galea soa bruxà et un'altra in fondo abbandonà da elli; due navi delle soe galee fon levae dalla battaja , e son scampae per portà la novella. Son remasi prexoin ro Re d'Aragone e lo Re de Navarra, ro Meistro de San Giacomo, ro Duca de Sessa, ro Principe de Taranto, ro Viceré de Sicilia, et infiniti altri baroin, cavalieri e zentilhomini, con Meneguccio de l'Aquila capitan de 300 lanze , e ri prexoin son migiara de migiara ; advisando le Magnificentie e Reverentie Vostre che eran sum queste navi huomini d'arme mille, como sareì advisè quando averemo pù spacio per conforto de tutti Voi. Certificamo le Vostre Magnificentie et Paternitae che no so da quaè parte incomensà a dì ri suoi luoghi et re soe proezze, con ra grande obedientia et reverentia che sempre son steti da ro dì che partimmo fino a questo dì, maxime in ro dì della battaja ; che se essi havessero combattuo davanti allo Illustre Segnò nostro e le Vostre Signorie non haverejano facto atramente. Elli meritan de esse lodè et recognosciui singolarmente.

« Cristo ne preste gratia che possiamo andar di bene in meglio ».

« Data die 6 augusti 1435, in navi, supra insulam Pontie. Dum appropinquaremus Gaetam , ecce novum strepitum quod nostri exientes ex Gajeta incontinenti campum inimicorum se posuit in fugam.[3]

Notte[modìfica | modìfica wikitèsto]

<references>

  1. Lettere memorabili dell'Abbate Michele Giuſtiniani Patritio Genoueſe de' Sig.ri di Scio. Parte 2. Roma 1669 - p.159
  2. Delle feste e dei giuochi dei genovesi - Dissertazioni di L.T. Belgrano - Archivio Storico Italiano, Tomo XIII, Parte I - Firenze - 1871 - p.59
  3. [Federico] Federici, Collettanee mss. dell'Archivio Governativo, vol. II, car. 62 verso; ove nota che questa lettera fu da lui stesso fedelmente trascritta dall'originale serbato appo Marc'Antonio Lomellino.