Sâta a-o contegnûo

Relénto

Da Wikipedia

Grafîa ofiçiâ[modìfica | modìfica wikitèsto]

ze: Relénto; ànche Relento (it: tanfo, puzza)

Relénto in scî vocaboläi stòrichi [1][modìfica | modìfica wikitèsto]

Giuseppe Olivieri 1841[modìfica | modìfica wikitèsto]

  • A no l'é registrâ.

Giuseppe Olivieri (Gioxeppe Oivê) 1851[modìfica | modìfica wikitèsto]

Relentu: Rancido. Rancido è tutto ciò che porta alterazione di sapore e di odore in alcune materie vegetali ed animali, per cui rimane degradata la primiera qualità di essere. Questa fainha a l'ha u relentu, questa farina sa di rancido.

Giovanni Casaccia 1851[modìfica | modìfica wikitèsto]

Relento: s. m. Rinserrato. Voce dell'uso. Quel puzzo che acquista una stanza o un altro luogo per essere stato lungo tempo chiuso: Ghe sa de relento; Vi pute di rinserrato. § Aggiunto a Cosa, come farina, grano, carne e simili, che parimente per essere stato lungamente chiusa abbia acquistato un tanfo, dicesi Stantìo: Questa faænn-a a l'ha o relento; Questa farina è stantìa.

P.F.B. (Padre Francesco Bacigalupo) ,1873[modìfica | modìfica wikitèsto]

Relento: Rancido, stantio.

Giovanni Casaccia 1876[modìfica | modìfica wikitèsto]

Relento: s. m. Sito, Puzzo di rinchiuso: Quel puzzo che acquista una stanza o un altro luogo per essere stato lungo tempo chiuso.
"Detto di farina, biade, legumi e sim. che, per essere stati parimente lungo tempo rinchiusi, acquistano un cattivo odore, dicesi tanfo".

Gaetano Frisoni 1910[modìfica | modìfica wikitèsto]

Relento: s. m. (F) Sito, tanfo, puzzo di rinchiuso o di muffa.

Nòtte[modìfica | modìfica wikitèsto]

  1. vocaboläi stòrichi, [1].