Sciô Regiña

Da Wikipedia
ZE-P
Sta paggina chie a l'è scrita in zeneize
co' ina grafia tipo quella do Prian do 1745
Incixon da-o "Lunaio do sciô Regiña" do 1835

O sciô Regiña o l'è stæto 'n personaggio do tiatro e da lettiatua zeneize. Visciuo pe 'ndavei e morto do 1792, ne fu creao 'na maschera tiatrâ da-o caratterista Domennego Gælo ch'o-a portò in scena tra o 1812 e 1817. A partî da-o 1815 o poeta Martin Piaggio o gh'intitolò l'armanacco di Fræ Paghen, o "Lunaio do sciô Regiña", fandone o protagonista de "reviste da çitæ" ciu varri "viagi", "scampagnate" e di atre compoxiçioin. O "Lunaio Regiña" o continoò e pubricaçuin sciña-o 1898.

O veo Regiña[modìfica | modìfica wikitèsto]

L'Achille Neigro o ne riporta[1] che da-i documenti conservæ inte l'Archivvio de Stato de Zena[2] se sa de seguo che o sciô Regiña, o l'abao Regiña, o l'ea un tâ Françesco Cavanna nasciuo in gio a-o 1750, se prezumme 'n despiao con di problemi d'alcolismo ch'o passava e seiañe a fâ o gio di ostaje passando de toa in toa, dovve ghe pagavan da beje perchè o fesse a macetta. A seja do 27 de mazzo 1792, giorno de Pentecoste, vegnindone de l'ostaja do Morando vexin a San Bærtomê o l'intrò inte l'ostaja do Gioachin Cresci into caroggio di Orfani (ancœu via Gallata), rente l'Accasœua. Chie, montando a-o cian de d'ato o s'arubatò inderê zu pi-a scaa e o dette ina brutta patta. Portao a Pamaton o mego o ghe riscontrò in sgoaro inta parte superiô e mezaña de l'óçìppite con comoçion çerebrâ e o fu diciarao in peigo de vitta. Perso conoscença, o moì o l'undeman e o fu assoterao a-a Foxe. Tra i documenti de l'archivvio o Neigro o riporta doi squarsci de 'n bigetto de caaxo aligao a-i atti: "Un çerto sempliçissimo ommo dito per sorvenomme ro signor Regiña non se vedde ciù per ra çitæ. Se dixe o sæ stæto da compagni seduttoî conduto in Bezagno, fæto imbriagâ, caciao dapœu zu de 'na scara a rompîse ro collo sença avei campo a poeise confessâ [...] ro Governo o non pœu ni deve disinteressâse de vegnî in ciæro dro fæto avendo streito obrigo de proteze ra vitta dri çitten e ro fisco e ri giudiçi e tutti ri offiçiali de giustiçia son pagæ a questo fin. [...] Ciù sempliçi e mizerabili son re persoñe ciù gh'è dovuo ra proteçion e vigilança de l'aotoritæ."[3] Da questo dev'ese partio 'n'indaggine da Rota criminâ pi açertâ che no l'avessan caciao zu aposta, dæto che 'n garçon de l'ostaja, çerto Giœumo Deciañe, che quella seja o s'atrovava in çimma a-a scaa, o l'aiva pigiao o largo. Ghe fu spicao 'n mandato de catua, lê o se costitoì, ma o giuddiçe, sentio i testimonni, o decize o non lœugo a procede, dæto che pâ che-o Deciañe o l'aise sciña alongao a man pe çercâ de retegnîlo.

Foscia sta specce de cause célèbre a feççe 'n çerto sciaato e foscia a macetta do sciô Regiña a l'intrò into folklore locale, magara soo che comme personaggio proverbiâ (chissà che n'æse començao a circolâ sciña di moddi de dî, tipo: "saile contâ megio che-o sciô Regiña", "pigiâ a scaa comme-o sciô Regiña" ò "pigiâse o mâ do sciô Regiña, stacca vœua e caraffa piña" e via armanacando...). O Neigro o scrive de no avei trovao mençun do sciô Regiña into ventennio ch'o va da-o 1792 a-o 1812, ma de seguo se ne doveiv'ese conservao l'aregordo se vint'anni doppo o Gælo e o Piaggio decizan de tiâlo fœua da-a so fossa comuña e ingagiâlo pe-e so raprezentaçioin tiatræ e pe-i so lunai.

O Regiña maschera tiatrâ[modìfica | modìfica wikitèsto]

Vint'anni doppo a so morte o poveo Regiña o fu portao a-a luxe da ribalta da l'attô Domennego Gælo (ò Garello), ch'o s'apropiò do so nomiagio pe-o protagonista de comeddie e farse tra-e quæ, com'osserva o Neigro, a giudicâ da-i tittoli gh'ea ascì di adatamenti in sarsa zeneize dovve-o Regiña o sostitoiva 'n Arlichin ò 'n Poriscinella (comm'o ne conferma ascì o Martin Piaggio into sonetto dedicao a-o Regiña doi anni doppo.)

Inta "Gazetta de Zena" do 14 março 1812 se ghe pœu leze 'n sorprendente: "Tiatro de Sant'Aostin Farsa nœuva: "Ro sciô Regiña poeta zeneize"[4] e conçerto de violin da Catainin Carcagna". (Foscia uña di urtime ocorençe de l'articcolo ro?)

O Steva Rebaodo o scrive inta revista "Zena" do 1942[5] che-o sucesso riportao da questo caraterista ò zanni o fu coscì vivo presso o pubbrico zeneize che i imprezai di tiatri de Zena (Gioxe Feipo Granæa; Loigi Gianco) ghe creon 'na compagnia commica, dita "Commica Compagnia de l'Impreiza di Tiatri de Zena" ò "Commica Compagnia Gæla" ò "Socêtæ di Commichi-Diletanti" ec.

Inta Gazetta do 21 otobre lezemmo: "Tiatro da Sant'Aostin Venardì chi ven sejaña a benefiççio do sciô Gælo caratterista [...] nœuva compoxiçion in doi atti inta quæ o carattere do Poeta protagonista o gh'è da l'aotô zeneize inzegnozamente insejo into pattrio dialetto, e a l'è intitolâ Gióxîe do sciô Regiña".[6]

Inte quella do 21 novembre: "Tiatro da Sant'Aostin. Lunesdì, a comeddia Tutto il mal non vien per nuocere ò sæ O sciô Regiña meistro de caza à Londra."[7]

Chì aprœuvo 'na letannia di atri tittoli trovæ inte Gazette di sett'anni sucescivi:

  • 2 zenâ 1813, Tiatro do Farcon: a tanto aplaodia farsa "E gioxie do sciô Regiña".[8]
  • 9 zenâ 1813: "I amoî noturni do sciô Regiña".[9]
  • 27 de zenâ 1813: "Farsa noviscima intitolâ O sciô Regiña a Mâpâga con inluminaçion, Quintetto di Groteschi e xœuo d'oxelli, ecc. (Sejaña a benefiççio do Poæ Nobbile, Angeo Poistæ.)[10]

E chì arvimmo 'n pâ de parentexi. O Rebaodo o scrive chi-a gexa de san Paolo a fu transformâ into tiatro de Campetto proppio do 1813 ma o fu serao do 1821 percos'o l'ea troppo picin. Transformao in magazin e so colonne de marmao fun misse inta faciata da vixiña gexa de Santa Maja de Vigne. Ancœu gh'è 'n supermercao: tante votte gh'emmo fæto a speiza sença savei che da-o 1813 a-o 1819 proppio lì se ghe reçitava e comeddie do sciô Regiña.

Sempre o Rebaodo o ne spiega ch'à l'uzo antigo i artisti ciu importanti ogni stagion g'aivan o drito à 'na "sejaña a benefiççio". Into depoidisnâ l'attô o se prezentava a caza de persoñe ciu influente da çitæ co l'invio pi-a sejaña, a-a dreitua stampao sciu sæa, e a-a seja o se fava trovâ in costumme a-a porta do tiatro rente à 'na toa con d'ato 'n baçî dovve-o pubbrico, pagao o bigetto, o lasciava 'n'oferta pe st'attô ò st'attriçe. Quella seja o tiatro o l'ea inluminao ciu do sollito, e o bello o l'è che se caciava a-o pubbrico "sunetti, combi, annie, bibin" con consegoente badaluffa de quelli che çercavan d'aciapâne quarcun (e risolve o problema da çeña...).

  • 17 Novembre 1813 Tiatro de Campetto: "O testamento do Sciô Reginna", sejaña a benefiççio do caraterista Domennego Gælo.[11]
  • 20 Novembre 1813: Repplica de "O testamento do Scio Reginna"

De chì avanti i tittoli en pi-a ciu gran parte riportæ in toscan, ma l'è ben probabbile che seggian stæti traduti da-o giornalista, foscia perchè, da quello che se pœu leze, a scrive in zeneize o fava ina gran fadiga, foscia ascì pe via de quell'aotomatismo che g'aiva à Zena e persoñe cortivæ, de parlâ zeneize e scrive toscan, squæxi sença manco acòrxisene. Questo se pœu dezumme da-o fæto che gh'è di tittoli de 'na mæxima comeddia riportæ 'na votta in zeneize e 'n'atra in toscan, ò che prezenpio into num. do 26 dex. 1818 se ghe leze ..."La Favola della Cenerentola", tradotta dall'inglese in versi genovesi, con figure allusive..., quande semmo pe çerto che-o tittolo veo o l'è "A Foa da Senerella, traduta in versci zeneixi".[12]

Ghe saiæ da osservâ ascì ch'à quelli tempi Zena a l'ea ancon 'na çitæ de l'impeo françeize, tutti parlavan zeneize, ma a Gazetta a l'ea scrita parte in françeize e parte in toscan, con tutto che parte da popolaçion, specce i figiœu e i anarfabeti, ste doe lengoe foreste manco i acapivan. Vanni a acapî...

S'acapisce che chi de sotta tutti i tittoli saian riportæ in zeneize, in corscivo quelli za riportæ in zeneize da-a Gazetta.

  • 24 novembre 1813: "Regiña esploratô amorozo, referendaio deluzo aterîo da-i apariçioin".[13]
  • 27 novembre 1813: Tiatro do Farcon: Domennega 28 "E noççe do sciô Regiña"
    Ancœu sabbo: "O Gran Conviao de Pria" co-o sciô Regiña servo de Don Giovanni, novitæ che, se ben exegoia, a pœu vegnî piaxeiviscima pe-i amatoî do nostro dialetto.[14]
  • 5 frevâ 1814: Campetto, farsa "E gioxie do sciô Regiña".[15]

Pâ chi-a primma comeddia do Regiña de l'anno a foise delongo "E gióxîe".

  • 20 agosto 1814: Tiatro de Campetto, farsa: "Regiña spaventao da-e metamorfoxi amooze".[16]
  • 3 setembre 1814: Tiatro in Campetto: matesdì, "O maiezzo inaspetao, ò sæ, Regiña cavagêo pi azardo", seiaña a benefiççio de Serafin e Teexo Calocê primmo ommo e servetta in dito tiatro. O sciudito Calocê o cantiâ doe aie in muxica a piña orchestra, e ghe saiâ xœuo de combi.[17]
  • 24 set. 1814: Tiatro in Campetto: matesdì, seiaña a benefiççio de l'Aostin Bottâ, "E conseguençe da rivalitæ, ò sæ, i amoî de Regiña in Pariggi" con inluminaçion da ringhea, xœuo de combi, e infin 'na macchina de fœughi d'artifiççio, travagiâ da-o sciô Campanella.[18]
  • 1 otobre 1814: Tiatro Campetto: Anche o sciô Regiña o l'aviâ, e l'ea troppo giusto, a so seiaña. O l'aduña a-a seja in Campetto tutti i amatoî do dialetto zeneize. O l'ha fæto un cuiozo invio in versci in dita lengoa; o promette doe comeddie: Rosinna a povea; e Reginna impresajo de l'Opea. O promette de fâ rie e demoâ; e o Regiña o l'è bon à atende quello ch'o promette.[19]

Chì i tittoli en in zeneize. Se vedde che-o giornalista o g'ha avuo o coraggio de lasciâgheli perchè o l'ha copiæ da l'invio.

  • 5 ot. 1814: Tiatro de Campetto: L'attô Gælo ch'o deximpegna o carattere zeneize do sciô Regiña, avendo veiseja tegnuo un concorso de gran longa magiô de quello che pœu capî a sala, o ripete questa seja a raprezentaçion de "Regiña Imprezaio" con atra farsa. Contentiscimo oltre ogni credde do favô otegnuo vêi da-o Pubbrico, o-o ringraçiâ questa seja distriboindo stampæ i versci zeneixi ch'o l'ha reçitao vêi.[20]

Foscia s'aludde a l'invio da votta primma. Chissà se n'existe ancon un exemprâ, e chissà se l'aotô o l'ea o mæximo Gælo ò ciutosto o Piaggio?

  • 8 ot. 1814: Tiatro in Campetto: "I efetti de l'amô iritao co-o Regiña poeta estempoannio".[21]
  • 15 ot. 1814: Tiatro de Campetto: "O testamento de Regiña".[22]
  • 22 ot. 1814: Tiatro in Campetto: Pe matesdì, incangio da sollita benefiçiata, ghe saiâ 'na raprezentaçion serrio-faceta chi-a commica Compagnia a tributa a-o corteize Pubbrico in segno de riconoscença: "A Seporta viva co-o Regiña perseguitao da-i laddri, e spaventao da-o schelletro", con inluminaçion e xœuo de combi.[23]
  • 5 nov. 1814: Tiatro Campetto: Matesdì sejaña de benefiççio da segonda donna Matilde Borci: "A Rivoluçion de donne, co-o Regiña poeta in corte, ambasciao a-o campo, e difensô do bello sesso".[24]
  • 23 nov. 1814: Tiatro Campetto: "Regiña tormentao da-a so spozâ".[25]
  • 26 nov. 1814: Tiatro Campetto: farsa "A quanteña de Regiña".[26]
  • 3 dexembre 1814: Tiatro de Vigne: Pe questa seja spetaccolo con banda militâ, "A Retiadda de Stetin", e a Farsa "E Metamorfoxi de Regiña". Tiatro inluminao e xœuo de combi, un di quæ o l'aviâ a-o collo un pâ de pendin de coalo.
    Matesdì chi ven, seiaña a benefiççio del'attô Fr. Paladin, "E Donne avocati", produçion prediletta do Sograffi, co-a Farsa "Regiña finto fornâ". Inluminaçion e xœuo de combi.[27]
  • 10 dex. 1814: Tiatro de Vigne: Doman Domennega: "Regiña Finto Cavagêo".
    Matesdì: "O Maiezzo do Pelegrin, ò sæ, i Amoî do Baciccia", co-a Farsa: "Regiña Gazetê". Inluminaçion e xœuo de combi. Questa seiaña a l'è a benefiççio do sciô Diretô Gælo.[28]
  • 7 zenâ 1815: Tiatro do Farcon: Domani, 8 zenâ, "Coradin o cruo", rapresentaçion spettacoloza, con Farsa ridiccola "E Gioxie de Regiña."
    Lunesdì, Seiaña a benefiççio do Beneito Lonardo dito "Todeschin", "Chi ha ciù palanche ha ciù parenti" con nœuva farsa l'"Equivvoco di doi Regiña", e grand'inluminaçion.[29]
  • 11 zenâ 1815: Tiatro da-e Vigne: Farsa "O Testamento do sciô Regiña".[30]
  • 14 zenâ 1815: Tiatro do Farcon: Deman domennega, [...] farsa "Regiña finto Fornâ". Lunesdì 16 corr. [...] farsa "E conveniençe da mogê do Regiña inte l'impreiza de muxica".[31]
  • 21 zenâ 1815: Tiatro do Farcon: Deman domennega, "Regiña cavagêo".[32]
  • 25 zenâ 1815: Tiatro da-e Vigne: ancœu, "A Conversaçion inti seporcri co-o Regiña spaventao da-e Ombre".[33]
  • 28 zenâ 1815: Tiatro do Farcon: Farsa noviscima, "E Cantàixe de Bargaggi co-o Regiña meistro de capella.[34]
  • 4 frevâ 1815: Tiatro do Farcon: Ancœu (Sabbo), ringraçiamento do sciô Regiña a-o Pubbrico, nœuva rapresentaçion spettacoloza: "O Prinçipe Eugennio de Savoia a l'asciddio de Lilla", con farsa: "O sciô Regiña inta Lucanda di Laddri". Tiatro aparao, inluminaçion, xœuo de combi ecc.[35]
  • 8 arvî 1815: Tiatro da-e Vigne: Farsa "E Metamorfoxi do Regiña."[36]
  • 15 arvî 1815: Tiatro da-e Vigne: Farsa: "O pai do sciô Novara insce-e preteize de quattro mogê do Regiña".[37]
  • 26 arvî 1815: Tiatro de Vigne: "A Caza de Campagna do Regiña", farsa leppida.[38]
  • 3 mazzo 1815: Tiatro do Farcon: lunesdì, graçioza farsa "Regiña a l'Uspiâ di matti".[39]
  • 20 mazzo 1815: Tiatro do Farcon: "A Grotta di Assascin con Regiña cœugo pe necescitæ", graçioza comeddia in 3 atti.[40]
  • 10 zugno 1815: Tiatro do Farcon: deman (domennega) "Adorfo e Ciæa; O sciô Novara e atri Fræ da Valoña a-a Lucanda do sciô Regiña", Comeddia in doi atti.[41]
  • 17 zugno 1815: Tiatro do Farcon: Pe deman, domennega, a Societæ Commica a l'exibisce pe urtima raprezentança [...] una nœuva Comeddia in zeneize: "O sciô Regiña mego pe força": inluminaçion e xœuo de galetti.[42]
  • 20 arvî 1816: Campetto: Farsa, "Regiña Meistro pe necescitæ".[43]
  • 18 mazzo 1816: Campetto: deman, domennega, A Compagnia da Vallunna a Lûcanda do Sciò Reginna.[44]
  • 22 mazzo 1816: Campetto: Zœuggia: "I Amoî do Baciccia Peruchê". Se distriboiâ a-a Porta l'"Invio do Regiña" in versci martellien zeneixi. - Sabbo: "O Progettista di Maiezzi", co-a farsa i "Viagi do Regiña". Inluminaçion, Combi e Sunetti.[45]

Poriæ tratâse do mæximo "Invio" de doi anni avanti ò che donque de un nœuvo, foscia scrito da-o Piaggio.

  • 25 mazzo 1816: Campetto: ancœu, sabbo, "Viagi do Regiña". Deman, "E cantàixe de Bargaggi" con "L'orchestra di zembi".[46]
  • 12 zugno 1816: Campetto: deman, farsa: "A mogê de so majo con Regiña sensâ da matrimonni".[47]
  • 19 zugno 1816: Campetto: ancœu mâcordì seiaña brilante: una Farsa do Regiña, palinodia do dramma do Tiatro con muxica, inluminaçion e combi. (Amia o manifesto in versci zeneixi.)[48]
  • 22 zugno 1816: Campetto: Lunesdì, U Sposalizio do Sciuò(sic) Reginna coa Scia Leituga de Sanna, con L'addio de Reginna in versci martelien ch'o saiâ distriboio a-o Pubbrico; inluminaçion e Combi.[49]

Chissà se st'"Addio" o l'è ancon conservao da quarche parte e chissà chi l'è che l'ha scrito. O Steva Rebaodo into mæximo articcolo o ne riporta in atro, purtroppo sença indicaçion da vivàgna, un sunetto de Ringraziamento ed Addio de l'Attô ch'o sostegniva a parte da maschera do sciô Regiña a-o Tiatro do Farcon into Carlevâ do 1818 scrita da-o Martin Piaggio:

Manchieivo a-o mae doveì, saeìvo tacciôu
   D'ingiûsto, sconoscente e de chêu dûo
   Se doppo e grazie che m'eì prodigôu,
   No ringraziasse tûtti per menûo;
Zeneixi, portiö sempre in chêu stampôu,
   Ve o diggo da Reginn-a, ansi ve o zûo,
   I vostri applausi, che n'ho mai meitôu,
   Se n'ho faeto de ciù, mi n'ho posciûo.
Cavalli cö Defranchi, dove sei?
   Imprestaeme aoa o vostro bello dî;
   Sûsciaeme ûn pö in te l'oëgia per piaxei.
Vorrieivo dâ... no posso... oh che patî!
   Me cazze i noetti, cianzo, oh despiaxei!
   Me manca a voxe..., addio, Zeneixi.. addi....

  • 9 ot. 1816: Campetto: nœuva farsa: "Una scomissa do sciô Regiña persa inta Lucanda de Nœuve".[50]
  • 12 ot. 1816: Tiatro Campetto: deman [...] a-a fin do spetaccolo una graçioza farsa: "Regiña persegoitao da-e Donne".[51]
  • 26 ot. 1816: Tiatro in Campetto: matesdì, Farsa "Regiña tatta pe necescitæ".[52]
  • 14 nov. 1816: Tiatro in Campetto: ancœu farsa: "Regiña Imprezaio d'Oppia e Ballo"[53]
  • 27 nov. 1816: Tiatro Campetto: Doman, zœuggia, Seiaña a benefiççio de l'Attô Dom. Gælo. O daiâ 'na Comeddia serrio-faceta: "E Vexende de 'na Viddoa, ò sæ, i Amoî do Regiña in Pariggi", a-a quæ sucediâ 'na Farsa: "A Mezanœutte into derê de l'Anno." Inluminaçion e xœuo de combi.[54]
  • 18 zenâ 1817: Tiatro Campetto: farsa "E Gioxie do Regiña".[55]
  • 25 zenâ 1817: Tiatro Campetto: farsa "Regiña mego pe força".[56]
  • 5 frevâ 1817: Tiatro Campetto: ancœu "E Vexende da Viddoa, ò sæ, i Amoî do Regiña in Pariggi". Deman [...] farsa "Regiña fattô in caza d'un finto mutto".[57]
  • 15 frevâ 1817: Tiatro do Farcon: pe questa seja [...] Farsa "E Cantàixe de Bargaggi e Regiña Cappo de l'Orchestra di Zembi". Deman "O paizan ingentilio", con "Regiña Precetô".[58]
  • 19 arvî 1817: Tiatro in Campetto: deman "O Villezzo do Regiña a-o Fœüdo de Foscipesto."[59]
  • 3 mazzo 1817: Tiatro Campetto: Farsa "Regiña Majo de quattro Mogê".[60]
  • 10 mazzo 1817: Tiatro Campetto: "E Tombe de Benevento, ò sæ, Regiña spaventao da-e ombre." [61]
  • 14 mazzo 1817: Tiatro Campetto: pe questa seja [...] Farsa "E Bizare Aventue do Regiña in Livorno". Deman farsa "Regiña mego pe força". [62]
  • 21 mazzo 1817: Tiatro Campetto: "Regiña meistro de capella".[63]
  • 24 mazzo 1817: Tiatro Campetto: farsa "Regiña a-a Maapaga".[64]
  • 31 mazzo 1817: Tiatro Campetto: deman "E Vexende de 'na Viddoa, ò sæ, i Amoî do Regiña".[65]
  • 14 zugno 1817: Tiatro Campetto: deman E Giôxie do scio Reginna, comeddia ridiccola, con farsa "E Convurscioin de donne.[66]
  • 21 zugno 1817: Tiatro Campetto: "O Spozaliççio do Regiña" Farsa commica.[67]
  • 6 dex. 1817: Tiatro Campetto: Farsa "Regiña contradixente e burlao da lê mæximo".[68]

Sempre o Rebaodo o scrive che do 1817 o Gælo ò ch'o moì ò ch'o se n'anò, e o fu sostitoio into rollo do Regiña da l'academmico filodramattico Gaitan Pedemonte inti anni 1818 e 1819.

  • 17 zenâ 1818: Tiatro Campetto: Farsa "Regiña majo de quatro mogê."[69]
  • 31 zenâ 1818: Tiatro Farcon. Pe questa seja, "E Trentetræ Desgraççie do Regiña", con Farsa: "L'Incontro di Trei Regiña a-o Feston di Giustignen", tutte doe tradute da-o Françeize da l'attô Regiña, e Seiaña a de lê benefiççio.[70]
  • 22 arvî 1818: Tiatro Campetto: "O Progetista di Maiezzi; a Congiua di Zembi contro Regiña", Farsa nœuva.[71]
  • 9 mazzo 1818: Tiatro Campetto: "E Trentetræ Desgraççie do Regiña" fadiga particolâ do caraterista.[72]
  • 23 mazzo 1818: Tiatro Campetto: "L'equivvoco di doi Regiña".[73]
  • 30 mazzo 1818: Tiatro Campetto: Comeddia do Conte Giraud, reduta a uso do Reginna caratterista zeneize.[74]
  • 27 zugno 1818: Tiatro Campetto: [...] Inluminaçion, xœuo de combii e Seiaña do Caraterista Zeneize (sciô Regiña).[75]
  • 11 luggio 1818: Tiatro Campetto: ancœu "O soiciddio do Regiña" (in farsa) e Balletto di grotteschi. = Deman, "Regiña in Livorno", baletto e Farsa in muxica.[76]
  • 23 zenâ 1819: Tiatro de Campetto: farsa do Regiña.[77]
  • 6 frevâ 1819: Tiatro de Campetto: ancœu farsa do Regiña - matesdì (a-o tiatro Farcon) Seiaña da Servetta, Metilde Borci "E Miñe da Polonnia", con farsa ascì do Regiña.[78]
  • 13 frevâ 1819: Tiatro Farcon: ancœu farsa de Regiña - lunesdì farsa "Regiña finto mutto".[79]

O Rebaodo o scrive che-o terço a portâ a maschera do Regiña o fu o diletante zeneize Giullio Rosacuta, e difæti inta Gazetta, doppo 12 anni de pósa, lezemmo:

  • 1 frevâ 1831: Tiatro de Sant'Aostin: [...] farsa O Sciô Regin-na Poeta disperôu, inta quæ se revediâ doppo tanti anni d'assença da-e scene l'attô diletante ch'o fa e parte do Regin-na.[80]
  • 12 frevâ 1831: Tiatro de Sant'Aostin: [...] farsa O Sciô Regin-na Poeta tragico, graçiozamente raprezentao da-o Filo-Dramattico Diletante sciô Rosacuta.[81]

'N'urtima solitaia mençun de 'na "farsa do Regiña" a l'è do 6 frevâ 1833.[82] E Gazette de Zena acescibbile insci-a re' pe-o momento arivan sciña-o 1840.

O Rebaodo o scrive che-o Rosacuta, into tiatro di diletanti de Levanto, finio a stagion (ma o no ne dixe l'anno), o declamò un "saluo-ringraçiamento" do Martin Piaggio, (ch'o ne transcrive sença indicaçion da vivagna):

Ferma!... alto là!... ûn momento, lasciæ stâ lì o telon;
   Quattro paolette in croxe de dî me resta ancon
Per ringraziâ de chêu sta dotta e bella ûdiensa
   Chi ha avûo tanta bontæ e tanta sofferensa
De sentîme Arlecchin de soffrîme Reginn-a,
   Conte, Marcheise etçettea co-a poca mæ dottrinn-a;
Comportâ i mæ difetti, in tûtto incoraggîme
   E contro ogni mæ merito, cioccâme pe applaudîme.
No me scordiö mai ciù, da Rosacuta o zûo,
   De grazie che chi a Lévanto da tûtti hò riçevùo
A mæ riconoscensa, scignori a l'é grandiscima,
   Quanto a mæ sûfficiensa a l'é stæta pochiscima.
Trovâ non posso termini da poeivelo spiegâ,
   E manco in contraccangio mi no so cose fâ;
No posso che augûrâve ogni feliçitæ,
   Salûte, lunga vitta e mutte in quantitæ;
Tûtto ve vadde in poppa, bon tempo (se no ciêuve)
   Negozi, guägni larghi, sempre allegresse nêuve
Dexideo che fra l'anno no gh'agge da restâ
   Manco ûnn-a figgia brûtta, né vidue da majâ;
E che, giando pe-e stradde, sûnnando o campanin;
   Trovâ no se ghe posse a Lévanto ûn fantin;
Tûtti accasæ a dreittûa con corbe de figgêu,
   In mêzo all'abbondansa, sensa penscieri a-o chêu;
V'augûro che possemmo veddise tûtti quanti
   Ne o ventûro villezzo, ûdiensa e dilettanti,
Pin de salûte e prosperi a passà a gnàgnoa e l'ôa
   In questa innocentiscima e instrûttiva demôa,
Ve fasso questi voti per mæ ringraziamento,
   Aççettæli e gradîli, chè partan de chi drento.
Scûsae o mæ tedio, é tardi, me manca o barbacio,
  Andæ a çenâ e in lettin... Bon prò ve fasse! Addio.

e o g'azonze 'na lista de 39 tittoli de farse e comeddie do Regiña raprezentæ "in sto tiatro chie" (se prezumme quello de Levanto) "træte da-o françeize o da-o toscan tra-e ciu in vœuga e-e ciu aplaodie do tempo". Sêi de queste no fan parte da lista de quelle anonçiæ inta Gazetta: "Regiña a-i bagni de Lucca", "Una burla fæta a-o sciô Regiña o sesto giorno do so matrimonnio", "A finta marotta con Regiña confuzo inti reççipi di meghi", "Regiña finto zembo", "Regiña servitô de doi padroin", "A femmina ciarlêa co-o Regiña finto sciòllo".

O Neigro o g'azonze ascì "A caza dizabitâ co-o Regiña poeta spaventao da-i spirriti" dindone che questa e "O conviao de pria" en træti da-o Giraud mentre "A finta marotta" e o "Servitô de doi padroin" son træti da-o Goldon, pe no parlâ de "O mego pe força" ch'en do De Franchi - Molière.

Purtroppo, à diferença de comeddie do De Franchi che fun arecugeite e pubricæ da-o mæximo aotô, pe quelle do sciô Regiña, a meno che no ghe segge stæto quarche coleçionista matto ch'o l'agge arecugeito con gran cua tutta sta gran mole de materiâ, manifesti, fugetti stampæ, copioin manoscriti, etçèttia... saiâ ben difiççile che se ne segge sarvao goæi sciña-a giornâ d'ancœu.

O Cezzare Viaçço o scrive[83] che do 1974 l'Aidan Schmucker o l'ha rinvegnuo inte l'Archivvio do Muzeo do Risorgimento o copion intrego de "E gioxie do sciô Regiña", che-o Viaçço o definisce "manoscrito da-o Martin Piaggio", e o çitta un atro aotoggrafo do Piaggio dovve gh'è scrito che o Gælo "o façeiva e parti do Sciö Reginn-a da mi scrite". O Viaçço o scrive ascì che questa comeddia a l'andò ancon in scena do 1897 a-o sant'Aostin (da-o 1864 Tiatro Naçionâ e ancœu Tiatro da Tossa) e che-o Regiña o tornò in scena into 1919. Graççie a-o rinvegnimento do Schmucker o Viaçço o poe' mette torna in scena "E gioxie" (no s'acapisce se in toscan ò in zeneize, dæto ch'o scrive "Le gelosie") into 1977, azonzendoghe o personaggio de Françesco Cavanna, à regòrdo do progenitô da maschera.

O Regiña di lunai[modìfica | modìfica wikitèsto]

Lunaio Regina 1835 (page 12 crop).jpg

Foscia insce l'onda do sucesso tiâtrâ da maschera do sciô Regiña o Martin Piaggio o decize d'intitolâghe ascì o so nœuvo lunaio pe-o 1815, o Lunajo de Foe do Sciô Reginna, pubricao da-a stampaja Pagaña de ciaçça nœuva 43, ch'a l'ea a mæxima da Gazetta de Zena (Stampaja da Mæña Impeiâ, Stampaja Françeize-Italiaña etc.) e ch'a l'aiva za pubricao i lunai de l'abao Loigi Særa a partî do 1809.

Inte sti lunai o Martin Piaggio o dedicò doi sunetti a-o veo sciô Regiña, un inte quello do 1815, ma pubricao comme assazzo za inta Gazetta do 7 dex. 1814:[84]

L'è dui anni che fan o burattin
   Da mæ Persounna ai Teatri per fâ rie,
   Me ficcan da per tûtto, co-e Poexie
   Per fâ o poriscinella e l'arlecchin,
Primma m'han rotto o collo a son de vin,
   Son chí ä Foxe co-i osse impûtridie;
   N'hò mai çercoû nisciun!... me çercan mie?
   L'è giûsto che me vendiche ûn pittin:
Scì Scignore.... a l'è dita... êuggio stampâ
   Un Lunaietto a posta con de Foette,
   M'êuggio mi ascì ae so spalle ûn po demoâ,
Fö mette fin l'avviso in te gazzette,
   E per despeto l'êuggio regallâ
   De badda a chi spendiâ douze scaggiette.


L'atro a-a fin do lunaio do 1817:


   L'Ombra do Scio' Reginna.
   Sunetto.

Pochi anni ao mondo son vissûo despeôu
   Senza aveìne de pesti, e da pestâ;
   Sempre o disnâ co a çenna hò litigôu
   Senza levame a vêuggia de mangiâ;
I garzonetti m’han perseguitôu
   Con fâme sempre appreûvo o carlevâ;
   M’ho rotto o collo, imbriægo, e m’han portôu
   Ancon cado chì ä Foxe a sotterrâ;
L’è trent’anni che son in menissetti,
   Eppû me fan parlâ per carregâme
   In Teatro, in ti Lunaj, e in ti Fûgetti,
Finna morto, che veuggian tribolâme!
   Zà che no peûan ciû tiame i becchelletti,
   Mascarsoin! troviò ä stradda d’appattame.

L'Achille Neigro o l'osserva giustamente che-o Piaggio o sciô Regiña o doveiva aveilo conosciuo, magara o saiâ sciña stæto tra-i pivetti che ghe favan "o carlevâ" aprœuvo, ò che donque, amiandoli, ghe saiâ despiaxuo de vedde quell'imbrægon misso a-i lói, fætostà che sta "stradda d’appattâse" co-o sciô Regiña a l'è conscistia into transformâlo into so alter ego, 'na specce de nom de plume co-o quæ o començò a pubricâ a fortunatiscima serrie di lunai di quæ o sciô Regiña o l'è formalmente aotô nonchè protagonista inte 'na riga de "reviste", "viagi" e "campagnate". Quindi "vendetta" ma ascì redençion do personaggio, che doppo avei fæto o "buratin" tanto da vivo che da morto, o l'è vegnuo l'incarnaçion do borgheize benpensante (e benestante), inreprenscibbile, ançi castigatô di costummi, opinionista aotoeive e avoxao, fæto a inmaggine e sumegiança do Piaggio mæximo (stimao agente de cangio), 'na metamorfoxi da marionetto a persoña commesedè ch'a ne fa vegnî in cœu quella che da lì a 70 anni o Carlo Collodi o l'aviæ riservao a-o so Pignocco.

I lunai do sciô Regiña da stampaja di fræ Paghen fun pubricæ sciña-o 1898.

Origgine do nomiagio[modìfica | modìfica wikitèsto]

Ma perchè l'avian ciamao "o sciô Regiña"? A meno che quarchidun con cogniçion de caoza o no ne l'agge lasciao scrito da quarche parte, e no-o saviemo mai. Pœu dâse che-o so cavallo de bataggia o foise o "Lamento de Lucreççia regiña de Sveççia" ò ch'o dixesse "Regiña do mæ cœu" a tutte i ostesse che ghe portavan da beje, chi o sa? De votte i nomiagi vegnivan dæti aprœuv'a-e interieçuin che-o personaggio o diva ciu soventi, prezenpio o sciô Tocca (in atro di "morti viventi" che insemme a-o sciô Regiña, o sciô Palosso, o sciô Novara, o Taggiaborse e atri comæli popolavan e rimme zeneixi a-i tempi do Piaggio) o l'ea ciamao coscì percos'o diva delongo "E tocca!". Pœu vese (ma o l'è solo cœu'n di tanti caxi poscibbili) che l'esclamaçion (pe no dî giastemma) preferia da-o Chechin Cavanna a foise "Viva Maja..." ò "Santa Maja Regiña de Zena", magara ometendo a primma parte, coscichè lê o l'ea vegnuo o sciô "Regiña de Zena" e doppo solo o sciô "Regiña". O fæto mæximo che 'nta Gazetta o so nomme o segge quæxi sempre scrito Reginna, con doe "n", quæxi a voei evitâ de peigoze omografie, o poriæ dâne da pensâ. A saiæ da rie se-o Piaggio, sempre castigatiscimo inte tutto, o l'avesse finio pe mette 'n sacranon propp'into tittolo da ciu gran parte de so pubricaçioin. (Se capisce che se invece de "sciô Regiña" l'æsan ciamao, dimmoghe, "sciô Santamadonna", foscia e fortuñe postume de sto personaggio aviêscian pigiao tutt'atro àndio.)

Notte[modìfica | modìfica wikitèsto]

  1. Achille Neigro, O sciô Reginna, in Revista ligure de sciençe, lettie e arte, Zena, Stampaja Carlin, 1910.
  2. Secretorum fil. 98 - Collegi fil. 378 - Criminalium, reg. 842 c. 91, e reg. 553 c. 98, 102, 108, 115, 120, 124, 135, 141, 143.
  3. "Un certo semplicissimo uomo detto per soprannome il signor Regina non si vede più per la città Si dice sia stato da compagni seduttori condotto in Bisagno fatto ubbriacare gettato poi giú di una scala a rompersi il collo senza avere campo a potersi confessare" Osserva che il governo non può nė deve disinteressarsi di venire in chiaro del fatto avendo stretto obbligo di proteggere la vita dei cittadini e il fisco ei giudici e tutti gli officiali di giustizia sono pagati a questo fine. "Più semplici e miserabili sono le persone ad esse più è dovuta la protezione e vigilanza" dell autorità.
  4. Gazetta de Zena 1812 N.22 TEATRO S. AGOSTINO - Martedi 17 corr. serata dell'Attore Luigi Velli, amoroso. - La superstizione del Secolo undecimo, con Farsa nuova Ro sciù Reginna poeta Zeneise; e concerto di Violino della giovane Catterina Calcagno.
  5. "O tiatro do Campetto" "Zena" - Revista Muniçipâ, agosto 1942 p. 27
  6. Gazetta de Zena 1812 N 85 Teatro da S. Agostino.
    Venerdì prossimo serata a benefizio del sig. Garello caratterista: egli annunzia per una sola sera un triplice divertimento; cioè 1.° una nuova composizione in due atti, nella quale il carattere del Poeta protagonista vi è dall'Autore genovese, ingegnosamente innestato nel patrio dialetto: ed è intitolata Gioxie du sciô Reginna. 2°. Un nuovo Balletto: le furberie di Crispino. 3.° Altra composizione in due atti di carattere tedesco, recata in italiano dalla sig.a Carminer: Giannina ossia il Disinteresse.
  7. Gazetta de Zena 1812 N 94: TEATRO DA S. AGOSTINO. Lunedi, la commedia Tutto il mal non vien per nuocere ossia U sció Reginna meistro de casa à Londra.
  8. Gazetta de Zena 1813 N.1: Teatro del Falcone Dimani 3 corr.: La Festa dell'Archibugio, con la tanto applaudita Farsa: Le Gelosie del Sig. Regina.
  9. Gazetta de Zena 1813 N.3: Teatro del Falcone Dimani Domenica Giannina ossia il Disinteresse con la farsa Gli Amori Notturni del Sig. Regina.
  10. Gazetta de Zena 1813 N.8: TEATRO DEL FALCONE Per Venerdì 29 corrente Il Tribunale dell Inquisizione ossia la Vittoria dell'Invidia, seguita una farsa nuovissima intitolata O Sciô Reginna a Mâpaga con illuminazione, Quintetto dei Grotteschi e volo d uccelli, ecc. (Serata a benefizio del Padre Nobile, Angelo Podestà .)
  11. Gazetta de Zena 1813 N.92: TEATRO DI CAMPETTO Per Venerdì sera 19 corrente, L'Eremita Francesco di Paola alla Corte di Luigi XI; a cui succederà una graziosa Farsa, O testamento do Scio Reginna. Serata a benefizio del Caratterista Dom. Garello
  12. Gazetta de Zena 1818 N.103 Avviso. Oltre il Lunario del Sig. Reginna, e l'Almanacco Genovese precedentemente annunziati, due altri ne sono stati pubblicati; cioè: La Favola della Cenerentola, tradotta dall'inglese in versi genovesi, con figure allusive. Trovasi alla Stamperia Frugoni e presso Ferd. Ricci, negoziante di stampe, strada Luccoli. Prezzo 4 fr. con stampe, e 1 fr. senza.
  13. Gazetta de Zena 1813 N.94: TEATRO DI CAMPETTO Per questa sera Il trionfo de Liguri in Affrica, con illuminazione.
    Venerdì prossimo, Le Tombe di Verona ossia Giulietta e Romeo con una graziosa farsa, Reginna esploratore amoroso, referendario deluso atterrito dalle apparizioni. Serata a benefizio dell'Attore Degola, genovese.
  14. Gazetta de Zena 1813 N.95: Teatro del Falcone
    Domenica 28 Commedia tradotta dal francese, la gioventù d'Enrico V. e la farsa comica le Nozze del sig. Regina
    Teatro di Campetto
    Oggi Sabato Il Gran Convitato di Pietra col sig. Regina servo di Don Giovanni, novità che ben eseguita può divenire piacevolissima per gli amatori del nostro dialetto.
  15. Gazetta de Zena 1814 N.11: Campetto Oggi segue il diluvio universale.
    Lunedi. Serata a benefizio delle Ombre Arlecchino custode delle donne, con un nuovo balletto, ed aria buffa in musica Azione pantomimica delle ombre in persona. Farsa, le gelosie del sig. Regina. Teatro illuminato, fuochi d'artifizio sulla corda .
  16. Gazetta de Zena 1814 N.67: Teatro di Campetto.
    Martedì serata a benefizio della prima Attrice la sig.ra Teresa Pucci. Rappresentazione spettacolosa del Serraglio di Costantinopoli, o l'Innalzamento al trono di Selim III. con la farsa: Reginna spaventato dalle metamorfosi amorose.
  17. Gazetta de Zena 1814 N.71: TEATRO IN CAMPETTO Martedì: il Matrimonio inaspettato, ossia Reginna cavaliere per azzardo, Serata a benefizio di Serafino e Teresa Calocchieri primo uomo e servetta in detto teatro. Il suddetto Calocchieri canterà due arie in musica a piena orchestra, e vi sarà volo di piccioni.
  18. Gazetta de Zena 1814 N.77: TEATRO IN CAMPETTO Martedì serata a benefizio di Agostino Bottaro, le conseguenze della rivalità, ossia gli amori di Reginna in Parigi con illuminazione della ringhiera, volo di piccioni, ed infine una macchina di fuochi d'artifizio, lavorata dal sig. Campanella.
  19. Gazetta de Zena 1814 N.79: TEATRO CAMPETTO
    Anche il sig. Reginna avrà, ed era troppo giusto, la sua serata. Egli aduna seralmente in Campetto tutti gli amatori del dialetto genovese. Egli ha fatto un curioso invito in versi in detta lingua; egli promette due commedie: Rosinna a Povea; e Reginna impresajo dell'Opea. Egli promette di far ridere e divertire; e Reginna è capace di attendere quello che promette.
  20. Gazetta de Zena 1815 N.80: TEATRO DI CAMPETTO L'Attore Garello che disimpegna il carattere genovese del sig. Reginna, avendo jer sera tenuto un concorso di gran lunga maggiore di quello che può capire la sala, ripete questa sera la rappresentazione di Reginna Impresario con altra farsa. Contentissimo oltre ogni credere, del favore ottenuto jeri dal Pubblico, lo ringrazierà questa sera distribuendo stampati i versi genovesi che ha recitato jeri.
  21. Gazetta de Zena 1814 N.81: TEATRO IN CAMPETTO. Martedì serata a benefizio di Luigi Carrani, Tiranno, gli Effetti dell'amore irritato, con Reginna Poeta estemporaneo. Volo di Piccioni, Sonetti, e ringhiera illuminata.
  22. Gazetta de Zena 1814 N.83: Teatro di Campetto.
    Martedì serata a benefizio di Giuditta ed Orsola Sorelle Pucci. Bertoldo, Bertoldino, Caccasenno e Margolfa, con la Farsa il Testamento di Reginna. Duetto cantato dagli Attori Callocchieri ed Orsola Pucci, a piena orchestra; Nota Bene. Volo di Piccioni, e illuminazioni.
  23. Gazetta de Zena 1814 N.85: Teatro in Campetto.
    Per martedì, invece della solita beneficiata, vi sarà una rappresentazione serio-faceta che la comica Compagnia tributa al cortese Pubblico in segno di riconoscenza: la Sepolta viva con Reginna perseguitato da ladri, e spaventato dallo scheletro, con illuminazione e volo di piccioni.
  24. Gazetta de Zena 1814 N.89: TEATRO CAMPETTO. Martedì Serata di benefizio della seconda donna Matilde Borci: la Rivoluzione delle donne, con Reginna Poeta in Corte, Ambasciatore al campo, e difensore del bel sesso.
  25. Gazetta de Zena 1814 N.94: TEATRO CAMPETTO Oggi Serata a benefizio di Teresa Calochieri, servetta: Una moglie buona corregge un marito cattivo, con Arlecchino ambasciatore amoroso e Regina tormentato dalla sua sposa, con aria a piena orchestra cantata dal sig. Calochieri, illuminazione e Volo di anatre e colombini.
  26. Gazetta de Zena 1814 N.95: Teatro Campetto Martedì Serata a benefizio della prima attrice Teresa Pucci, Il Principe Eugenio all'assedio di Temisvar con Farsa la Quarantena di Regina, illuminazione e Volo di anetre e piccioni.
  27. Gazetta de Zena 1814 N.97: TEATRO DELLE VIGNE Per questa sera spettacolo con banda militare, la Ritirata di Stettino, e la Farsa le Metamorfosi di Reginna. Teatro illuminato e volo di piccioni, uno de quali avrà al collo un pajo d'orecchini di corallo.
    Martedì prossimo, Serata a benefizio dell'attore Fr. Paladini, le Donne avvocati, produzione prediletta di Sograffi, colla Farsa Reginna finto fornajo. Illuminazione e volo di piccioni.
  28. Gazetta de Zena 1814 N.99: TEATRO DELLE VIGNE, Domani Domenica: Reginna Finto Cavaliere
    Martedì: Il Matrimonio del Pelegrino ossia gli Amori di Baciccia, con la Farsa: Reginna Gazzettiere. Illuminazione e volo di Piccioni. Questa serata è a benefizio del sig. Direttore Garello
  29. Gazetta de Zena 1815 N.2: Teatro del Falcone.
    Domani, 8 gennaro, Corradino il crudo, rappresentazione spettacolosa, con Farsa ridicola le Gelosie di Reginna.
    Lunedi, Serata a benefizio di Benedetto Leonardi detto Tedeschino, Chi ha più denari ha più parenti con nuova farsa l'Equivoco dei due Reginna, e grand'illuminazione.
  30. Gazetta de Zena 1815 N.3: Teatro dalle Vigne.
    Oggi I due Fratelli criminalisti, con Farsa il Testamento del Signor Reginna.
  31. Gazetta de Zena 1815 N.4: Teatro del Falcone. Dimani domenica l'Albergatrice di Tours con farsa Reginna finto Fornaro.
    Lunedi 16 corr. Serata a benefizio del primo Uomo Serafino Callocchieri. Quanto possa la curiosità nelle Donne Farsa le convenienze della moglie di Reginna nell'impresa di musica. Teatro illuminato, volo di Piccioni, e un'aria eseguita a piena orchestra dal suddetto.
  32. Gazetta de Zena 1815 N.6: Teatro del Falcone.
    Domani, domenica, Reginna Cavaliere.
  33. Gazetta de Zena 1815 N.7: Teatro dalle Vigne.
    Oggi. La Conversazione ne' sepolcri con Reginna spaventato dalle Ombre.
  34. Gazetta de Zena 1815 N.8: Teatro del Falcone.
    Domani, domenica, la Sepolta viva.
    Lunedi, 30 corr., Beneficiata dell'attore Garello. Robinson Crosuè all'isola della disperazione, con Farsa nuovissima, le Cantatrici di Bargaglj con Reginna maestro di capella.
    Illuminazione delle loggie e Volo di piccioni.
    N.B. Questo Spettacolo che non può non essere piacevole per la sua novità e per l'impegno dell'Attore suddetto, caso che non avesse luogo, a cagione del tempo, sarà indicato con un nuovo manifesto.
  35. Gazetta de Zena 1815 N.10: Teatro del Falcone
    Oggi (Sabato) Ringraziamento del Signor Reginna al Pubblico Nuova Rappresentazione spettacolosa: Il Principe Eugenio di Savoja all'assedio di Lilla, con Farsa: il sig. Reginna nella Locanda de' Ladri. Teatro apparato, illuminazione, volo di piccioni ecc.
  36. Gazetta de Zena 1815 N.28: TEATRO DALLE VIGNE. Oggi, Enrico IV Re di Francia, con Farsa le Metamorfosi di Reginna.
  37. Gazetta de Zena 1815 N.30: Teatro dalle Vigne. Oggi (Sabato), i due Prigionieri, commedia, e la Farsa: il Parere del signor Novara sulle pretese delle quattro Mogli di Reginna .
  38. Gazetta de Zena 1815 N.33: Teatro delle Vigne. Oggi Serata a benefizio della prima attrice, la signora Vittoria Sturla, la Caduta di Guelfild, argomento serio, e la Casa di campagna di Reginna, farsa lepida, con illuminazione e volo di piccioni.
  39. Gazetta de Zena 1815 N.35: Teatro Falcone. Dimani, giovedi, la Maschera di ferro azione spettacolosa, Reginna all'ospedale de' pazzi Farsa lepida, pioggia di fiori, di confeti, di sonetti ecc. e finalmentemente volo di piccioni con collana di coralli, il tutto per una Festa al pubblico e Serata particolare.
  40. Gazetta de Zena 1815 N.40: TEATRO DEL FALCONE. Lunedì, Serata a benefizio di Agostino Bottaro. La Grotta degli Assassini con Reginna cuoco per necessità, graziosa commedia in 3 atti; Illuminazione, volo di piccioni, ed altri più ricchi accessorj.
  41. Gazetta de Zena 1815 N.46: TEATRO DEL FALCONE. Dimani (domenica) Adolfo e Chiara; Il sig. Novara ed altri Fratelli della Vallona alla Locanda del Signor Reginna, Commedia in due atti.
  42. Gazetta de Zena 1815 N.48: TEATRO DEL FALCONE Per dimani, Domenica, la Società Comica esibisce per ultima rappresentanza un divertimento con due Novità: 1.a Une petite pièce, in francese; che detti Attori (dice il manifesto) a forza di studio sono pervenuti ad organizzare. 2 una nuova Commedia in genovese: il sig. Regina medico per forza: illuminazione e volo di galetti.
  43. Gazetta de Zena 1816 N.32: CAMPETTO I Comici dilettanti reduci dalla Sardegna, daranno questa sera una piccola Commedia I Due Prigionieri, seguita dalla Farsa, Regina Maestro per necessità.
  44. Gazetta de Zena 1816 N.40: CAMPETTO Dimani, domenica, A Compagnia da Vallunna a Lûcanda do Sciò Reginna, preceduta da una Farsa Il Secreto.
  45. Gazetta de Zena 1816 N.41: CAMPETTO, Giovedi gli Amori di Bacciccia Perrucchiere. Si distribuirà alla Porta l'Invito di Reginna in versi martelliani genovesi. - Sabbato. Il Progettista di Matrimonj, colla farsa i Viaggi di Reginna. Illuminazione, Piccioni e Sonetti.
  46. Gazetta de Zena 1816 N.42: CAMPETTO. Oggi, sabato, i Viaggi di Reginna. Domani, le Cantatrici di Bargagli, con l'orchestra de' Gobbi.
  47. Gazetta de Zena 1816 N.47: CAMPETTO
    Questa sera Arlecchino servitore di Due Padroni.- Dimani, Gli Amici del Giorno, e farsa La moglie di suo marito con Reginna sensale da Matrimonj. Ambe nuovissime.
  48. Gazetta de Zena 1816 N.49: CAMPETTO
    Oggi mercoledì serata brillante: una Farsa di Reginna, palinodia del dramma del Teatro con musica, illuminazione e piccioni. (Vedi il manifesto in versi genovesi.)
  49. Gazetta de Zena 1816N.50: CAMPETTO. Lunedì, U Sposalizio do Sciuò Reginna coa Scia Leituga de Sanna, con L'addio de Reginna in versi Martelliani che verrà distribuito al Pubblico; illuminazione e Piccioni.
  50. Gazetta de Zena 1816 N.81: Campetto. Per questa sera La Gioventù d'Enrico V. con una nuova Farsa Una scommessa del sig. Reginna perduta nella Locanda di Novi.
  51. Gazetta de Zena 1816 N.82: Teatro Campetto. Dimani, Misantropia e Pentimento, Dramma sentimentale di Kotzbue; L'Amante Statua, Balletto pantomimo, e alla fine dello spettacolo, una graziosa Farsa Reginna perseguitato dalle Donne.
  52. Gazetta de Zena 1816 N.86: TEATRO IN CAMPETTO. Martedì, L'Americana e l'Europea, con Farsa Reginna Balio per necessità.
  53. Gazetta de Zena 1816 N.91: TEATRO IN CAMPETTO Oggi, Fedra Tragedia, con Farsa Reginna Impresario d'Opera e Ballo. Serata a beneficio della prima Attrice Elisabetta Gaidoni.
  54. Gazetta de Zena 1816 N.95: TEATRO CAMPETTO. Domani, giovedì, Serata a benefizio dell'Attore Dom. Garello. Egli darà una Commedia serio-faceta: Le Vicende di una Vedova, ossia Gli Amori di Reginna in Parigi, alla quale succederà una Farsa: La Mezzanotte nell'ultimo dell'Anno. Illuminazione e volo di piccioni.
  55. Gazetta de Zena 1817 N.6: TEATRO CAMPETTO. Dimani Domenica 19, il progettista di matrimonj, con farsa le Gelosie di Reginna
  56. Gazetta de Zena 1817 N.8: TEATRO CAMPETTO Lunedì, 27, I Baccanali di Roma, tragedia del sig. Pindemonti, con la Farsa Reginna medico per forza, Illuminazione e volo di piccioni. Serata a benefizio di Angelo Podestà tiranno.
  57. Gazetta de Zena 1817 N.11: TEATRO CAMPETTO. Oggi, Le Vicende della Vedova, ossia Gli Amori di Reginna in Parigi, con un Terzetto di Ballerini, ed Illuminazione.
    Dimani, Cosimo 1.o Granduca di Toscana, Spettacolo militare con Farsa Reginna fattore in casa d'un finto muto; Illuminazione e volo di piccioni. Serata a benefizio degli Attori Melilde Borci, Servetta, ed Agostino Bottaro Padre nobile.
  58. Gazetta de Zena 1817 N.14: TEATRO DEL FALCONE. Per questa sera Raul di Vitrì con Farsa le Cantatrici di Bargagli e Reginna Capo dell'Orchestra de' Gobbi; Illuminazione, Volo di piccioni e sonetti.
    Dimani. Il Villano ingentilito, con Reginna Precettore.
  59. Gazetta de Zena 1817 N.32: TEATRO IN CAMPETTO. Dimani, la Villeggiatura di Reginna al Fϟdo di Fuscipesto.
  60. Gazetta de Zena 1817 N.36: Teatro Campetto. Dimani, Le Nozze in Latino, con Farsa Reginna Marito di quattro Moglj.
  61. Gazetta de Zena 1817 N.38: TEATRO CAMPETTO. Dimani, domenica, le Tombe di Benevento, ossia Reginna spaventato dalle ombre.
  62. Gazetta de Zena 1817 N.39: TEATRO CAMPETTO. Per questa sera, Matilde, Duchessa di Spoleto, ossia la Donna selvaggia, con Farsa le Bizzarre Avventure di Reginna in Livorno, illuminazione e volo di piccioni. Serata a benefizio della prima Donna Marianna Copper.
    Dimani Le Due Parole, con Farsa Reginna medico per forza.
  63. Gazetta de Zena 1817 N.41: TEATRO CAMPETTO. Dimani le Farsa Reginna Maestro di cappella, con varj pezzi di musica che saranno eseguiti dal virtuosi dell'Opera, e Teatro illuminato.
  64. Gazetta de Zena 1817 N.42: Teatro Campetto. Dimani, la Disperazione di G[...]tto con Farsa Reginna alla Malapaga.
  65. Gazetta de Zena 1817 N.44: TEATRO CAMPETTO. Dimani, le Vicende di una Vedova ossia gli Amori di Reginna.
  66. Gazetta de Zena 1817 N.48: TEATRO CAMPETTO. Dimani, E Giôxie do scio Reginna, commedia ridicola, con farsa le Convulsioni delle donne.
  67. Gazetta de Zena 1817 N.50: Teatro Campetto. Dimani, dalla Compagnia d'Opera buffa si rappresenterà l'Adelina Farsa in musica, alla quale succederà lo Sposalizio di Regina Farsa comica.
  68. Gazetta de Zena 1817 N.98: Teatro Campetto. Dimani, domenica dalla Società de' Comico-Dilettanti, si recita il Progettista di matrimonj, con Farsa Reginna contradicente e burlato da se stesso.
  69. [ Gazetta de Zena 1818 N.5]: Teatro Campetto. Per questa sera, la Disfatta degli Assassini della Lorena, con Farsa: Reginna marito di quatro mogli. Serata a benefizio del primo amoroso Agostino Brenti
  70. Gazetta de Zena 1818 N.9: TEATRO FALCONE. Per questa sera, le Trentatrè Disgrazie di Reginna, con Farsa:l'Incontro dei Tre Reginna al Festone Giustiniani, entrambe tradotte dal Francese dall'attore Reginna, e Serata a di lui benefizio.
  71. Gazetta de Zena 1818 N.32: TEATRO CAMPETTO. Per questa sera, il Progettista di Matrimonj; la Congiura de' Gobbi contro Reginna, Farsa nuova.
  72. Gazetta de Zena 1818 N.37: TEATRO CAMPETTO. Lunedì, le Trentatre Disgrazie di Reginna, fatica particolare del caratterista
  73. Gazetta de Zena 1818 N.41: TEATRO CAMPETTO Dimani, domenica, l'Equivoco dei due Reginna.
  74. Gazetta de Zena 1818 N.43: TEATRO CAMPETTO Martedì successivo 2 giugno serata a benefizio dell'umile Attrice Carolina Biagelli. = Comedia del Conte Giraud, ridotta ad uso di Reginna caratterista genovese. = Diversi pezzi di musica: Cavatina, rondò, duetto ec. Quintetto de' Grotteschi, e teatro illuminato.
  75. Gazetta de Zena 1818 N.51: TEATRO CAMPETTO. Oggi, Spettacolo misto = Commedia: Colpa e Pena. Balli: due pas-de-deux, quintetto de Grotteschi e a solo. Illuminazione, volo di piccioni e Serata del Caratterista Genovese (Sig. Reginna)
  76. Gazetta de Zena 1818 N.55: TEATRO CAMPETTO. Oggi, L'Avvertimento ai gelosi Farsa in musica di Pavesi; Il Suicidio di Reginna (in Farsa), e Balletto de' grotteschi. = Dimani, Reginna in Livorno, balletto e Farsa in musica.
  77. Gazetta de Zena 1819 N.7: TEATRO DI CAMPETTO. Oggi, sabbato, Adelaide e Comingio romiti, con farsa di Reginna. Serata a benefizio dell'Attore dilettante che disimpegna le parti di primo amoroso.
  78. Gazetta de Zena 1819 N.11: TEATRO DI CAMPETTO. Oggi, sabbato, Farsa di Reginna, ed Operetta in musica, D. Valeriano Gnacchera. - Martedì (al teatro Falcone) Serata della Servetta, Metilde Borci, le Mine della Polonia, con Farsa pure di Reginna.
  79. Gazetta de Zena 1819 N.13: Teatro Falcone. Oggi, Delitto e pentimento con farsa di Reginna Serata dell attore tiranno sig Angelo Podestà - Lunedì, il Furioso all'isola S. Domingo, con farsa: Reginna finto muto. Serata a benefizio dell'attore-dilettante
  80. Gazetta de Zena 1831 N.10: TEATRO DI S. AGOSTINO. Sabato serata del caratterista Gius. Feoli e della servetta Laura Lapy, La Prima Eruzione del Monte Vesuvio, con farsa O Sciô Regin-na Poeta disperôu, in cui si rivedrà dopo tanti anni d'assenza dalle scene l'attore dilettante, che fa le parti di Regin-na.
  81. Gazetta de Zena 1831 N.13: TEATRO DI S. AGOSTINO. Dimani L'Orfana di Ginevra, con farsa O Sciô Regin-na Poeta tragico, graziosamente rappresentato dal Filo-Drammatico Dilettante sig. Rosacuta.
  82. Gazetta de Zena 1833 N.11: TEATRO DA S. AGOSTINO. Dimani serata del tiranno L. Rosa e della piccola attrice Virginia Rosa, Il Fratricida punito dal rimorso. Dopo il dramma cavatina - Una voce poco fa - e farsa di Regina.
  83. " Cezzare Viaçço, E maschere zeneixi da-o Sciô Regiña a-o Gabibbo, Zena, De Ferræ, 1998.
  84. Gazetta de Zena 1814 n. 98

Bibliografia[modìfica | modìfica wikitèsto]

  • Gazetta de Zena, Zena, Stampaja da Gazetta de Zena, ciaçça nœuva 43, 1812-1833.
  • Martin Piaggio, Arecugeita de megio poexie, Zena, Pagan, 1846.
  • Achille Neigro, O sciô Reginna, in Revista ligure de sciençe, lettie e arte, Zena, Stampaja Carlin, 1910, p. 197.
  • Steva Rebaodo, O tiatro do Campetto, in Genova - Revista Muniçipâ, Zena, Muniçippio, Stradda Gaibada n. 9, agosto 1942, p. 27.
  • Cezzare Viaçço, E maschere zeneixi da-o Sciô Regiña a-o Gabibbo, Zena, De Ferræ, 1998.

Atri progètti[modìfica | modìfica wikitèsto]