'Sta pàgina l'è scrita en spezin

Dialèto spezin

Da Wikipedia
(Rendirissou da Dialetto Spezin)
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
SP
'Sta pàgina l'è scrita en spezin
Spezìn
Parlòu inItalia Italia
Parlòu inFlag of Liguria.svg Liguria
Clasificaçión
FilogéneziLéngoe indoeuropee
 Grùppo Italico
  Romànse
   Oççidentâ
    Galloromànse
     Galloitaliche
      Oççidentâ
       Lìgure
        Lìgure òrientâle
         Spezìn

O Spezin, l'é er dialeto de A Spèza e da se provinsa. Presenta dee varianti: Spezin der gorfo, Spezin daa Val di vaa e Spezin dee Çinque Tære. Sebben er dialeto spezzìn der gorfo, l'è un dialetto ligure, l'è pæcio diverso dar Zeneize anca se chello da Val di vaa e chello de Çinque Tære l'è ciù simile ao Zeneize.

In giâno: Zeneize. In vèrde ciæo: dialetto de tranxiçion Zeneize-Spezìn. In vèrde scüo: Spezìn. In bleu: dialetto de tranxiçion Spezìn/dialetto da Lunigiànn-a

Scioglilingua

  • Aiei i ea eio, aoa i è oo (Ieri era olio, oggi è oro[1])
  • A tò ito oto èti in totaneti, tuti tagià a tocheti (Ti ho detto otto etti di totanetti, tutti tagliati a pezzetti)
  • Bonaséa, séa. La m'ha dito a séa s'a ghe 'npresté en po' de séa che la passeà staséa a redarve a séa. Bonaséa, séa. (Buonasera, zia. Mi ha detto la zia se le prestate un po' di cera, che ripasserà stasera a ridarvi la cera. Buonasera, zia).
  • Pia 'n po' 'n pan! (Prendi un po' una pagnotta!)
  • Te chini chì o te chini ciü 'n là? (Scendi qui o scendi più avanti?)
  • Me a chino chì che g'ho da catae i cuciaìn (Scendo qui perché devo comprare i cucchiaini)

Proverbi

  • Ai cativi mainài tüti i venti i en contrai
Per i cattivi marinai, tutti i venti sono contrari
  • Ai cuiosi se ghe strina 'r cüo.
Ad esser curiosi ci si può scottare il culo
  • A tüto gh'è remedio, fea che a l'osso der colo
A tutto c'è rimedio, tranne all'osso del collo, alla morte
  • Beati i ürtimi se i primi i han discression.
Beati gli ultimi... se i primi sono educati
  • Bela come er cüo dea padela
Bella come il cul della padella
  • Chi pè pè, chi ne pè va a pé
Chi può può chi non può si arrangia
  • En po' pe' ün i ne fa mao a nissün
Un po' per uno non fa male a nessuno
  • Er merlo ch'i disa ar corvo: -come tei negro!-
Il merlo che dice al corvo:-come sei nero!-''
  • Er porco i dà der porco ai autri perché i l'è lü.
Chi ha la coscienza sporca accusa gli altri
  • Fin che i sassi i van a fondo, a ghe saàn de semi ar mondo
Finché i sassi vanno a fondo, ci saranno scemi al mondo
  • L'è come picae ün che caga
È come picchiare uno che sta facendo i suoi bisogni
  • Morto 'n papa se fa 'n papa e 'n cardinale.
Morto un papa, si fa un papa... e un cardinale
  • 'Na pissada sensa peto, l'è come 'n violin sensa archeto
Una pisciata senza peto, è come un violino senza archetto
  • 'Nta padela i zimi de bochi i paen torta
lett.: Nella padella le cime dei rovi sembrano torta.
  • S'a ne ghe n'è a ne se 'n spenda
Se non ce n'è non se ne spende: si dice dell'intelligenza
  • Da n'pin ne ghe nassa en castagno
Da un pino non nasce un castagno
  • Chi de gagina nassa tera raspa
Chi nasce da gallina raspera` sempre la terra

Nòtte

  1. A frase a no contegne manco 'na consonante.

Bibliografìa