'Sta pàgina l'è scrita en spezin

Dialèto spezin

Da Wikipedia
(Rendirissou da Dialetto Spezin)
Sata a-a navegassion Sata a-a serchia
SP
'Sta pàgina l'è scrita en spezin

O Spezin, l'é er dialeto de A Spèza e da se provinsa. Presenta dee varianti: Spezin der gorfo, Spezin daa Val di vaa e Spezin dee Çinque Tære. Sebben er dialeto spezzìn der gorfo, l'è un dialetto ligure, l'è pæcio diverso dar Zeneize anca se chello da Val di vaa e chello de Çinque Tære l'è ciù simile ao Zeneize.

In giâno: Zeneize. In vèrde ciæo: dialetto de tranxiçion Zeneize-Spezìn. In vèrde scüo: Spezìn. In bleu: dialetto de tranxiçion Spezìn/dialetto da Lunigiànn-a

Scioglilingua

  • Aiei i ea eio, aoa i è oo (Ieri era olio, oggi è oro[1])
  • A tò ito oto èti in totaneti, tuti tagià a tocheti (Ti ho detto otto etti di totanetti, tutti tagliati a pezzetti)
  • Bonaséa, séa. La m'ha dito a séa s'a ghe 'npresté en po' de séa che la passeà staséa a redarve a séa. Bonaséa, séa. (Buonasera, zia. Mi ha detto la zia se le prestate un po' di cera, che ripasserà stasera a ridarvi la cera. Buonasera, zia).
  • Pia 'n po' 'n pan! (Prendi un po' una pagnotta!)
  • Te chini chì o te chini ciü 'n là? (Scendi qui o scendi più avanti?)
  • Me a chino chì che g'ho da catae i cuciaìn (Scendo qui perché devo comprare i cucchiaini)

Proverbi

  • Ai cativi mainài tüti i venti i en contrai
Per i cattivi marinai, tutti i venti sono contrari
  • Ai cuiosi se ghe strina 'r cüo.
Ad esser curiosi ci si può scottare il culo
  • A tüto gh'è remedio, fea che a l'osso der colo
A tutto c'è rimedio, tranne all'osso del collo, alla morte
  • Beati i ürtimi se i primi i han discression.
Beati gli ultimi... se i primi sono educati
  • Bela come er cüo dea padela
Bella come il cul della padella
  • Chi pè pè, chi ne pè va a pé
Chi può può chi non può si arrangia
  • En po' pe' ün i ne fa mao a nissün
Un po' per uno non fa male a nessuno
  • Er merlo ch'i disa ar corvo: -come tei negro!-
Il merlo che dice al corvo:-come sei nero!-''
  • Er porco i dà der porco ai autri perché i l'è lü.
Chi ha la coscienza sporca accusa gli altri
  • Fin che i sassi i van a fondo, a ghe saàn de semi ar mondo
Finché i sassi vanno a fondo, ci saranno scemi al mondo
  • L'è come picae ün che caga
È come picchiare uno che sta facendo i suoi bisogni
  • Morto 'n papa se fa 'n papa e 'n cardinale.
Morto un papa, si fa un papa... e un cardinale
  • 'Na pissada sensa peto, l'è come 'n violin sensa archeto
Una pisciata senza peto, è come un violino senza archetto
  • 'Nta padela i zimi de bochi i paen torta
lett.: Nella padella le cime dei rovi sembrano torta.
  • S'a ne ghe n'è a ne se 'n spenda
Se non ce n'è non se ne spende: si dice dell'intelligenza
  • Da n'pin ne ghe nassa en castagno
Da un pino non nasce un castagno
  • Chi de gagina nassa tera raspa
Chi nasce da gallina raspera` sempre la terra

Nòtte

  1. A frase a no contegne manco 'na consonante.

Bibliografìa

  • Mario Niccolò Conti e Amedeo Ricco, Dizionario spezzino, La Spezia, Accademia Lunigianese di Scienze Giovanni Capellini, 1975.
  • Ubaldo Mazzini, Poesie in vernacolo, La Spezia, Editori Laterza - Cassa di Risparmio della Spezia, 1989.
  • Franco Lena, Nuovo dizionario del dialetto spezzino, La Spezia, Accademia Lunigianese di Scienze Giovanni Capellini, 1993.
  • Franco Lena, Introduzione alla grammatica del dialetto spezzino, Genova - La Spezia, Stabilimento Tipografico Fabiani, 1995.